Giulianova. Interrogazione del Capogruppo Gianluca Antelli sul caso TEFA

19 marzo 2018 22:510 commentiViews: 22

Giulianova. “Risulterebbe agli atti un’esposizione debitoria di oltre 700.000 Euro del Comune di Giulianova nei confronti dell’ Ente Provincia di Teramo, maturata a far data dal 2013, per non aver riversato nelle casse dell’ Ente provinciale la parte dovuta del “Tributo per l’esercizio delle funzioni di tutela, protezione e igiene dell’ambiente” – con questa interrogazione –  il Consigliere comunale di Giulianova Rinasce – Gianluca Antelli – ha proposto al Presidente del Consiglio e Sindaco della Città di Giulianova. “

“Il dato, laddove veritiero – prosegue Antelli –  risulterebbe in una città già  segnata da una profonda crisi politica, di notevole gravità e meriterebbe di essere chiarito immediatamente alla luce della prossima sessione di bilancio di previsione.”

Al Presidente del Consiglio Comunale

                                                                                                                              del Comune di Giulianova

                                                                                                                              Sede Municipale

 

                                                                                                                              Al Sindaco del Comune di Giulianova

                                                                                                                              Sede Municipale

                                                                                                                             

 

Gianluca Antelli ph Walter De Berardinis

INTERROGAZIONE

 

Come noto l’art.19 de D.Lgs. n. 504/92 ha previsto l’istituzione del “Tributo per l’esercizio delle funzioni di tutela, protezione e igiene dell’ambiente” (TEFA). Tale tributo provinciale per l’esercizio delle funzioni ambientali (TEFA) è l’unica addizionale sulla tassa sui rifiuti, quale che sia la tipologia applicata dai Comuni (TARSU/TIA) fino al 2012, Tares 2013 e Tari 2014), spettante alla Provincia ed è stata istituita dal Legislatore a fronte dell’esercizio delle funzioni amministrative di interesse provinciale, riguardanti l’organizzazione dello smaltimento dei rifiuti, il rilevamento, la disciplina ed il controllo degli scarichi e delle emissioni e la tutela, difesa e valorizzazione del suolo.

 

Il TEFA, date le caratteristiche normative volute dal Legislatore, è un tributo incassato dai singoli Comuni contestualmente alla tassa/tariffa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed è fissata dalla Provincia di Teramo nella misura del 5% delle tariffe per unità di superficie ai fini della tassa per lo smaltimento dei rifiuti applicate dai Comuni.

 

Il tributo è liquidato e iscritto al ruolo dei Comuni contestualmente alla tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani e con l’osservanza delle relative norme per l’accertamento, il contenzioso, la riscossione e le sanzioni. Al Comune spetta una commissione posta a carico della provincia impositrice, nella misura dello 0,30 per cento sulle somme riscosse.

 

L’ammontare del tributo, riscosso congiuntamente alla tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani, previa deduzione della corrispondente quota del compenso della riscossione, è versato dal concessionario o dal Comune, in caso di gestione diretta, con la periodicità quadrimestrale prevista dalla Deliberazione di Consiglio Provinciale n. 24 del 02.05.2017, con la quale è stato approvato il nuovo regolamento TEFA.

 

La suddetta Deliberazione ha apportato modifiche al precedente regolamento rideterminando, da un lato il meccanismo premiale a favore dei Comuni, dall’altro introducendo la rateizzazione per gli importi delle annualità pregresse, mai riversati dai Comuni, nonché la suddetta tempistica di riversamento, della precedente trimestrale all’attuale quadrimestrale.

 

Da ultimo si rammenta che l’obbligazione gravante sui Comuni è di natura pubblicistica e che sussiste, pertanto, l’obbligo di legge di riversare il Tributo TEFA, alla Provincia rilevandosi che, l’indebito trattenimento di tali somme potrebbe configurarsi astrattamente, come condotta rilevante penalmente.

 

Fatta questa doverosa premessa

 

SI  INTERROGA PER CONOSCERE SE

 

  • Il Tributo TEFA sia stato regolarmente iscritto al ruolo del Comune di Giulianova contestualmente alla tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani negli anni 2013 – 2014 – 2015 – 2016 – 2017;

 

  • Il Comune di Giulianova abbia riversato negli anni 2013 – 2014 – 2015 – 2016 – 2017 il Tributo TEFA alla Provincia di Teramo;

 

  • Esiste ad oggi una posizione debitoria di codesto Comune di Giulianova nei confronti della Provincia di Teramo, e se si a quanto ammonta l’importo, imputabile al mancato versamento del Tributo TEFA;

 

IL GRUPPO CONSILIARE GIULIANOVA RINASCE

                                                                                                                            IL CAPOGRUPPO

                                                                                                                            AVV. GIANLUCA ANTELLI

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi