Cultura & Società, In rilievo, Libri in vetrina, Tipi giuliesi

Brunico. Gaetano Braga finalmente ritrovato

di Stefano Veggetti*

Cosa determina il vero valore di un artista? Il suo innato talento, la capacità di sacrificarsi per raggiungere la perfezione assoluta, l’abnegazione totale alla sua missione durante il corso della propria esistenza, oppure il segno indelebile che lascia dietro di sé e per cui viene ricordato? Non esiste una sola risposta. Una cosa è però certa: Gaetano Braga, violoncellista e compositore, è stato una stella nel firmamento musicale europeo della seconda metà dell’Ottocento.

Se avessimo una bacchetta magica e riportassimo Braga nei giorni nostri, come violoncellista sarebbe paragonato a Yo-Yo Ma, e come compositore di arie per canto, godrebbe di notorietà a livello mondiale con la sua più celebre melodia, la Leggenda Valacca, tanto quanto Domenico Modugno con il suo Volare. Allora perché continuiamo a ricordarlo solo in alcune sporadiche occasioni o anniversari?

Il motivo è sempre lo stesso: se nasci in un piccolo paese di provincia e la natura ti regala un grande talento e hai poi la fortuna di trovare un mecenate che ti permette di coltivarlo, devi dirigere le tue mete altrove. La maggior parte delle volte non vi fai ritorno, creando un distacco dalla tua comunità di appartenenza che può portare a sentimenti di estraneità, invidia e gelosia da parte di coloro che sono rimasti.

Chi si accorge dello straordinario talento musicale del fanciullo è la duchessa d’Atri, che lo spinge verso il Conservatorio di Napoli, in quel momento la scuola di musica più prestigiosa d’Europa, assicurandone protezione e aiuto. L’avventuroso e lungo viaggio del fanciullo undicenne per raggiungere Napoli, accompagnato dal padre, è già un segno premonitore del futuro del ragazzo. Legge il manifesto della rappresentazione di un’opera di Mercadante, che sarà poi il suo maestro, e vi partecipa. Ne esce ipnotizzato e pone come sua meta quella di comporre per il teatro.

Dotato di una voce straordinaria e di una memoria strabiliante, sfugge per poco all’operazione di castrazione destinata ai coristi della Cappella Sistina, dove avrebbe dovuto accedere. Persa la voce sopranile con la mutazione, viene folgorato casualmente dal violoncello, che d’ora in poi diventa il suo mezzo d’espressione durante l’intero suo percorso artistico, ed è affidato agli insegnamenti del violoncellista Ciaudelli, rinomato didatta che Paganini afferma essere stato suo discepolo. Ma porta avanti infaticabilmente e parallelamente anche lo studio della composizione.

Conclusi gli studi a Napoli, comincia il suo perenne girovagare che lo porterà a stabilirsi a Parigi (ottobre 1854) e comincia a collezionare i primi successi teatrali, che fanno presagire un futuro pieno di trionfi. In effetti, tali furono le rappresentazioni delle prime opere a Napoli e Vienna, seguite da rappresentazioni nei teatri della Scala a Milano, Parigi, Trieste, Modena, Cagliari, Venezia, Lisbona. Ma l’insuccesso dell’ultima opera Caligola rappresentata alla Scala, orchestrato con una congiura nei suoi confronti, e la conseguente delusione, lo spingono a porre fine alla carriera di compositore teatrale. I successi come violoncellista (il più grande della metà dell’800 insieme ad Alfredo Piatti) e compositore e di arie per voce continuano, senza interruzioni, fino al suo ritiro dall’attività di concertista nel 1894 quando da Parigi, dopo 40 anni, si trasferisce a Milano dove conclude la sua esistenza terrena.

La rilevanza artistica di Braga quale violoncellista e compositore è testimoniata dalle personalità artistiche e letterarie che erano legate alla sua figura, specialmente durante gli anni trascorsi a Parigi. Per citarne alcune: Verdi, Saint-Saëns, Gounod, Debussy, Meyerbeer, Borghi Mamo e Sivori tra i musicisti e compositori. Tra gli scrittori e letterati: Balzac, De Lauzirés, Dumas, D’Annunzio, Boito. Boldini, Delacroix e Morelli tra i pittori. Ma è il rapporto unico con Rossini a Parigi che conferma il suo status di artista celebrato. Il venerato maestro ne ammira il talento (lui che ne aveva da vendere), accoglie il giovane artista quasi come un figlioccio e gli dedica uno dei brani più belli per violoncello: Une larme. Lo vuole ospite fisso nel suo salotto parigino fino a coinvolgerlo nella preparazione ed esecuzione del suo ultimo capolavoro, la Piccola Messa Solenne. Così come straordinaria è l’amicizia con Antonio Fogazzaro che lo fa protagonista della novella Il fiasco del maestro Chieco, dove lo immortala e lo ritrae nella sua unicità di personaggio straordinario: eccezionalmente talentuoso, irriverente, sempre pronto allo scherzo, immerso totalmente nella musica appena abbraccia il suo violoncello che suona con occhi semichiusi, dando alle sue esecuzioni una vita indiavolata, facendo sospirare e gemere lo strumento più dolcemente di qualsiasi voce umana.

La monografia e l’epistolario che il Prof. Di Leonardo ha dato alle stampe sono una pietra miliare nel restituire (finalmente ed in modo definitivo) la straordinaria figura di Gaetano Braga al giusto riconoscimento e ammirazione che merita. Con un’attenta ricerca e una scrittura avvincente, l’autore ci offre uno sguardo approfondito sulla vita e l’opera del musicista, ripercorrendo ogni tappa significativa della carriera del musicista analizzandone la parabola artistica nel contesto culturale del suo tempo. Scorrendo la monografia ci immergiamo nelle vicende travagliate e appassionanti della vita di Braga, seguendo il suo percorso di crescita artistica e le conquiste sulle scene musicali europee. L’autore della monografia si cala nelle vesti di un detective competente ed appassionato, riporta con cura l’incredibile quantità di documenti scovati negli archivi d’Italia e d’Europa nel corso della sua lunga attività di studioso, li ordina, li verifica in modo inequivocabile, con un approccio di sincero rispetto e ammirazione verso il musicista. Aggiunge al testo note che sono illuminanti e schede sorprendenti per ricchezza di informazioni e considerazioni sui vari personaggi che hanno girato nella vita di Braga. Un lavoro titanico con un risultato straordinario. Con queste due ultime pubblicazioni dedicate a Gaetano Braga e con la realtà della Casa Museo Gaetano Braga, non c’è più giustificazione per continuare ad ignorare questo artista, che è sicuramente il personaggio più illustre di Giulianova. Doveroso è quindi promuovere la diffusione di questi lavori, nelle biblioteche ma soprattutto nelle scuole, dove si aprono innumerevoli opportunità di ricerca e approfondimento sulla vita e l’opera di Braga e di richiami storici e culturali riferiti alla vita di questo straordinario e unico artista. Braga avrebbe voluto tornare e concludere i suoi giorni a Giulianova ma non vi riuscì, a causa dei suoi parenti litigiosi e della mancanza di amici ed ambiente musicale e culturale adeguato. Tuttavia, grazie a questo studio appassionato del Prof. Di Leonardo, il musicista è riportato idealmente alle sue radici, riconciliandolo con la sua terra d’origine.

Nella Biografia di Braga sono compresi pregevoli saggi, anch’essi con taglio scientifico, sulla famiglia Gagliano, liutai in Napoli, su Gaetano Ciaudelli, alunno di Paganini e docente prestigioso, su Achille De Lauzières, poeta, librettista e musicologo, e su altri personaggi che hanno interagito con Braga.

Le opere di cu abbiamo trattato sono le seguenti:

– Giovanni Di LeonardoGaetano Braga, l’artista e il violoncello incantatore. Un musicista europeo del secondo Ottocento, Castellalto (TE), EditPress edizioni, maggio 2022.

– Giovanni Di Leonardo, Gaetano Braga attraverso la corrispondenza.Epistolario di un’anima artistica, con la consulenza musicale del M° Sergio Piccone Stella, Castellalto (TE), EditPress Edizioni, maggio 2023.

Stefano Veggetti

Brunico, 14 Marzo 2024

 

 

*Nato a Roseto degli Abruzzi, vive a Brunico, dove è violoncellista e direttore dell’Ensemble Cordia, nonché direttore artistico dell’Accademia di Musica Antica. Si è esibito come solista e in gruppi prestigiosi nei teatri e nei festival più rinomati in Europa e in America. Ha curato, su incarico della Sovrintendenza Archivistica Abruzzese, il restauro dell’opera inedita Ruy Blas e delle memorie di Gaetano Braga conservate nella biblioteca Bindi di Giulianova. Insegna Violoncello Barocco presso il Conservatorio dall’Abaco di Verona.

___________________________________

L’AUTORE DEI VOLUMI QUI CITATI

Giovanni Di Leonardo è nato a Morro D’Oro, il 20 aprile 1944, e vive a Giulianova. Si è laureato in Filosofia, all’Università Statale “La Sapienza” di Roma, con una tesi seguita dal Prof. Renzo De Felice, conseguendo il massimo dei voti (110/110); successivamente ha insegnato Italiano e Storia negli Istituti Statali, di secondo grado, in diverse località della Lombardia e a Giulianova e Roseto degli Abruzzi. Numerose volte ha avuto l’incarico di Commissario esterno nelle Commissioni di Maturità in Istituti di Milano, Verona, Roma, ecc..Dopo la laurea ha sempre continuato la ricerca storica, specializzandosi sul Settecento e l’Ottocento, con particolare attenzione agli episodi ed alle figure del Risorgimento abruzzese.

  • Nel 1983 ha pubblicato (coautrice Maria Rita Bentivoglio) il volume Quinto Ercole – Storia di un militante del Movimento Operaio abruzzese esule in Australia, Isola del G. S. (TE), Eco Edizioni, pp. 103.

 

Presso “Media Edizioni”,di Mosciano S.A., poi “EditPress”,di Castellalto,ha pubblicato i seguenti volumi:

  • Morro D’Oro – Cenni storici e immagini inedite, pp. 144, 1999;
  • Internazionalisti e Repubblicani in Abruzzo (1865-1895), (coautrice M. R. Bentivoglio), pp. 220, 1999;
  • Michelangelo Cicconi nel secolo dei Lumi, pp. 160, 2000;
  • Gjorgio Vincenzio Pigliacelli, Avvocato, Ministro della Repubblica Napoletana del 1799, pp. 160, 2001;
  • Garibaldini in Abruzzo (1860-1870) – L’Abruzzo Ultra I, (coautrice Maria Rita Bentivoglio), pp. 230, 2002;
  • L’illuminista abruzzese Don Trojano Odazj – dalle Lezioni di Genovesi all’amicizia con Beccaria, dalla Cattedra di Economia alla cospirazione, pp. 224, 2003;
  • Organari abruzzesi del Settecento: Le celesti armonie di Adriano Fedri, pp. 304, febbraio 2007.
  • Gaetano Braga, l’artista e il violoncello incantatore – Un musicista europeo del secondo Ottocento, pp. 560, maggio 2022.
  • Gaetano Braga attraverso la corrispondenza. Epistolario di un’anima artistica, pp. 224, maggio 2023.

 

  • Nel 2010 ha pubblicato I Fedri. Una dinastia per la musica (1719-1957). Dalle «celesti armonie» di Adriano a Dino, il pianista reatino amato da Beniamino Gigli, Associazione Culturale “G. Braga” onlus, per conto della Regione Lazio, Rieti, pp. 336, gennaio 2010. Seconda edizione, con nuovi documenti, pp. 352, novembre 2010.
  • Nel 2012 (coautore G. Di Ilio) La Leggenda Svelata. La Serenata, Leggenda Valacca di Gaetano Braga. Fonte letteraria, titolo e successo, Bologna, Bongiovanni Editore, 2012, pp. 160.

 

Articoli pubblicati su giornali e riviste:

  • La Festa della Madonna dello Splendore nel 1870-71. Dalle memorie manoscritte di Gaetano Braga, in «La Madonna dello Splendore», n. 32, 22 aprile 2013 (coautrice Prof.ssa Maria Rita Bentivoglio).
  • Gaetano Braga, una vita per il violoncello. Notazioni sulla sua prima formazione, in «La Madonna dello Splendore», n. 33, 22 aprile 2014.

Ha curato i seguenti lavori:

  • Costantino Ettorre, Il giovane Aroldo, a c. d. Giovanni Di Leonardo, Mosciano S. Angelo, “Media Edizioni”, 19962. (Opera ambientata in alcuni paesini del Teramano, colti nel periodo post unitario, la cui prima edizione era stata pubblicata a Milano, nel 1881);
  • Scritti scientifici di Pio Mazzoni, a c. d. Giovanni Di Leonardo e Sandro Galantini, Teramo, Ricerche & Redazioni, 2005;
  • Casa-Museo Gaetano Braga, a c. d. Giovanni Di Leonardo e Galileo Di Ilio, Mosciano S.A., “Media Edizioni”, 2007;
  • Il canto ridestato. Due composizioni per canto e strumento a tastiera: Ave Maria e Piangea!, a c. d. Giovanni Di Leonardo e Galileo Di Ilio, Mosciano S.A., “Media Edizioni”, 2007.

Ha redatto, inoltre– per il Dizionario degli Abruzzesi, Castelli (TE), Andromeda Editrice – Il Centro, dicembre 2006 – febbraio 2007– le seguenti dodici voci: Pasquale Baiocchi; Pietro Baiocchi; Francesco Cicconi; Michelangelo Cicconi; Fulgenzio Lattanzi; Pietro Marrelli; Adriano Fedri; Pio Mazzoni; Trojano Odazj; Ciro Romualdi; Antonio Tripoti; Alessio Tulli.

Conferenze.

Oltre alle decine di presentazioni dei suoi lavori, fatte in Abruzzo, Umbria, Lazio e Mar del Plata, negli anni 2004-2012, ha tenuto alcune conferenze sul “Contributo degli Abruzzesi all’Unità d’Italia”: Lucoli; Lucoli; S. Benedetto dei Marsi; Penne; Giulianova; Giulianova; Mosciano S. Angelo; Colledara-Villa Ilii; l’ultima delle quali in Argentina, a Mar del Plata, Sabato 18 febbraio 2012, presso la sede de la Federacion de Sociedades Italianas (La Rioja, 2043).

image_pdfimage_print
Condividi:

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.