Cultura & Società, Eventi a Giulianova, In rilievo, Ricordi di guerra

Giulianova. 2 Novembre, commemorazione dei defunti nel cimitero comunale. Partecipano alla cerimonia il Vice Sindaco Lidia Albani ed il Presidente del Consiglio Comunale Matteo Francioni.

Si è svolta questa mattina, nel cimitero comunale, la tradizionale commemorazione dei defunti e dei caduti di tutte le guerre. Erano presenti alla cerimonia il Vice Sindaco Lidia Albani, il Presidente del Consiglio Comunale Matteo Francioni, le autorità militari cittadine, i rappresentanti delle associazioni d’arma e combattentistiche, i familiari delle vittime giuliesi della Prima e Seconda Guerra mondiale, numerosi cittadini. Alla processione lungo il viale delle Rimembranze, sono seguiti l’intervento del Vice Sindaco e la deposizione di due corone d’alloro. Alle 11, la Messa officiata da don Enzo Manes, parroco di San Flaviano. Il Vice Sindaco Albani ha ringraziato i presenti e sottolineato l’importanza delle ricerche storiche effettuate, negli anni, dal giornalista Walter De Berardinis. “La guerra in Ucraina- ha detto – non è in realtà che una delle 59 ancora in atto nel mondo. Non è però nella sola opera di accoglienza dei rifugiati che si risolve e si conclude il nostro impegno. E’ infatti un dovere morale ( della famiglia, della scuola, delle istituzioni, della politica) coltivare e far crescere, in noi e nelle nuove generazioni, il rifiuto, non contrattabile, verso tutte le manifestazioni di sopraffazione, di arroganza, di odio. Alimentare la memoria è una responsabilità condivisa, finalizzata al mantenimento di una consapevolezza collettiva, di una presa di coscienza destinata a durare. L’onda di morte e distruzione che colpì pesantemente anche Giulianova nella Prima e nella Seconda Guerra Mondiale deve continuare ad essere monito, deve essere invito perenne alla pace. Onoriamo oggi, istituzioni e cittadinanza insieme, i nostri cari, i martiri della violenza umana, i caduti per la patria e per la libertà, i figli, amatissimi, della nostra Giulianova”.

image_pdfimage_print
Condividi:

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.