Cultura & Società, In rilievo, Teramo e Provincia

Mosciano Sant’Angelo. “Il benessere alimentare delle ragazze e dei ragazzi a casa e a scuola” è il tema dell’interessante incontro che si è svolto sabato 15 ottobre

MOSCIANO SANT’ANGELO.  – “Il benessere alimentare delle ragazze e dei ragazzi a casa e a scuola” è il tema dell’interessante incontro che si è svolto sabato 15 ottobre, nella palestra della scuola primaria di Mosciano Capoluogo, promosso dal Centro Abruzzo Mosciano. Relatori Claudia Savina (dirigente medico USO Epatologia) e Giuseppe Biancucci (coordinatore servizi sociali Unione dei Comuni – Val Vibrata). Moderatore il sociologo Giancarlo Prosperi. Questi i temi affrontati ed approfonditi con gli specialisti alla presenza di studenti e genitori: benessere dei bambini a scuola e in famiglia; favorire la sensibilizzazione del problema attraverso politiche di welfare volte alla prevenzione primaria del problema; educazione dei genitori ad un corretto uso degli strumenti informatici ed elementi base per una sana alimentazione; favorire la consapevolezza dei genitori del problema di strumenti adeguati necessari per garantire il benessere psicofisico dei propri figli. Presente all’incontro il consigliere provinciale Enio Pavone e la consigliera regionale della Lega Simona Cardinali. <L’ attuale amministrazione regionale attraverso l’assessorato di riferimento, ha triplicato le risorse per il Piano sociale – ha sottolineato -. A proposito poi, della mediazione familiare, – ha ricordato la consigliera – ho presentato e finanziato attraverso lo stanziamento di fondi regionali un progetto pilota della durata di un anno, gestito dalla Asl della provincia di Teramo che prevede l’attivazione a breve, del servizio gratuito per i soggetti più fragili, presso i consultori, per cui e’ stato recentemente pubblicato un bando per la selezione di due mediatori familiari destinati ai consultori di Teramo e Roseto. Una figura di cui c’è grande richiesta>. <E’ mia intenzione – ha annunciato la Cardinali –fare un’ indagine su base regionale ed eventualmente presentare un progetto di legge che preveda la figura del mediatore familiare nei consultori Asl che interessano tutte le province abruzzesi >.

image_pdfimage_print
Condividi:

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.