San Benedetto del Tronto. Incontro con Il Vescovo Carlo presso il Centro Famiglia – “Educhiamoci a servire”.

23 Marzo 2014 22:150 commentiViews: 12

Interessantissimo l’incontro di Oggi Domenica 23 Marzo 2014 presso il Centro Famiglia di San Benedetto del Tronto al Biancazzurro con il Vescovo Carlo. Tema dell’Incontro a cui sono state presenti molte associazioni dell’Ambito 21, compresa la nostra è stato: “Educhiamoci a servire”. Provo a sintetizzare le parole del nostro amato Vescovo… Educarsi a servire significa anticipare amore con gratuità e il primo servitore a partire dalla famiglia è il Genitore. Ed è la Madre che sta spesso al centro… è la donna che si preoccupa più dei figli (che di se stessa)… e si preoccupa anche quando sono adulti i propri figli (ed è ancora lì che li conduce e chiede ancora ed intercede ascolto e risposte ai loro bisogni di uomini). L’Ascolto che va inteso come un aprirsi alla sorpresa che l’altro ti porta che si sa che non è mai una cosa facile da gestire. Occorre prendere una giusta distanza dalla logica del successo in chiave pedagogica; infatti non si contano le rovine familiari portate e sostenute dalla mentalità del successo. La stada giusta può essere quella della consapevolezza del fatto che non è possibile amare ciò che solo appare ma l’unico amore possibile è racchiuso in ciò che è, uscendo dalla logica dell’apparenza e di tutto ciò che sta dietro all’arrivare ed all’essere qualcuno piuttosto che limitarsi correttamente nell’essere. Occorre indicare ai nostri figli un percorso imperniato su idee comuni e realizzarsi pienamente nella condizione della costruzione del bene comune attraverso la logica della comunione. Non si vive bene secondo il Vescolo Carlo in funzione del successo e ciò che è davvero importante è vivere bene ed in armonia con il prossimo. Dunque il successo, il posto d’onore, il ruolo sono secondari e se ci sono naturalmente vanno accettati e vissuti in condivisione e con gioia reciproca. Bere il calice di Gesù non significa altro che “pagare di persona” per quello a cui si crede ed anche un concreto rifiuto dei modelli e della ricerca di consenso e di plauso. L’idea di affermazione, di dominio solca la realtà producendo divisione e sterilità affettiva ed anche all’interno della famiglia è fuorviante come quando ci si blocca nell’idea se venga prima la moglie o il marito sul piano decisionale e di merito ed è un piano quello che non porta da nessuna parte. Oggi CARLO ci ha chiesto che cosa serve all’uomo…Essere grande? Essere primo? La risposta che possiamo trarre dalla splendida giornata di lavoro comune è che quello che conta veramente è cercare l’UNITA’ attraverso l’attenzione e lo sforzo verso l’altro essere umano in maniera almeno pari se non superiore nell’idea dell’ESEMPIO che lo Psicologo Mario Bianchini ha sottolineato oggi. Più si crede che sia fondamentale per ognuno concretizzare l’autorealizzazione all’interno della famiglia e della coppia più si allontana la possibilità di mettere al centro il bene comune, ovvero quello che serve a quel nucleo affettivo per poter andare avanti bene in comunione ed armonia di scelte. Per cui il Vescovo Carlo attraverso l’affermazione “quando si semina bene il bene si dilata” ci ha suscitato la rilflessione comune che l’unica preoccupazione sensata dell’uomo è quella di cercare e trovare il bene comune ovvero mettere in comunione il proprio bene. Non c’è amore se non si è capaci un pò di “morire a se stessi” attraverso le piccole rinuncie che non ci indeboliscono affatto ma che si riveleranno fondamentali per evitare di soffermarsi troppo sull’idea che “il mio servizio è migliore del tuo”. Infine a me che chiedevo indicazioni sul mio percorso associativo mi suggerisce lo sforzo della sintesi: creare UNITA’ a partire dalla ricchezza delle nostre ricche diversità e mi indica inoltre la via del servire al di sopra di ogni cosa sapendo che servire può significare attraversare la terra del deserto come Mosè e passare attraverso tempi di critica e non condivisioni però tenendo sempre a mente l’idea di andare a META.
Associazione Antropos
IL Presidente Antonio Lera

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi