Riforme necessarie ma no agli annunci e alle decisioni calate dall’alto.

12 Dicembre 2015 23:260 commentiViews: 11

I lavoratori bancari per la buona finanza. Basta alle speculazioni e alle accuse ingiustificate.

 

«La riforma del sistema del credito è quanto mai urgente».

Il Presidente del Consiglio annuncia la riforma del sistema creditizio.

Siamo d’accordo. Ma quale riforma e con quali obiettivi.

Vorremmo discuterne e partecipare. Per questo unitariamente tutte le Organizzazioni sindacali di Categoria hanno da tempo richiesto l’apertura di un tavolo di confronto con il Governo.

“C’è pieno interesse del governo a che tutte le autorità preposte facciano tutti gli sforzi per chiarire le responsabilità del passato. Vediamo di buon occhio che il Parlamento apra commissioni di indagine su ciò che è avvenuto nel sistema bancario italiano ed europeo negli ultimi anni”.

Siamo d’accordo. Si dia il via alla commissione parlamentare di indagine ma si chiariscano bene poteri e finalità.

Siamo contrari a dichiarazioni ad effetto che non entrano nel merito e a ventilate riforme che non coinvolgono preventivamente anche le rappresentanze dei lavoratori.

Che non si faccia come per il c.d. Jobs Act.  Riforme che stanno incidendo sul lavoro e sui lavoratori senza intervenire sui ritardi e sui limiti strutturali del Paese.

CGIL e FISAC hanno ripetutamente chiesto l’apertura di un tavolo con il Governo sulla riforma del sistema bancario.

Già dal 2013 CGIL e FISAC  hanno presentato il Manifesto per la buona finanza – Le banche al servizio del Paese, con sette proposte per crescita e occupazione:

  1. “regolamentare la finanza strutturata e i derivati”
  2. “riordino delle autorità di vigilanza, delle fondazioni bancarie e della governance delle banche”
  3. “separazione tra banca commerciale e banca d’affari”
  4. “ridefinizione del ruolo della Bce nella politica monetaria e nella vigilanza bancaria”.
  5. “favorire la legalità e la finanza sostenibile: trasparenza e incentivazione della tracciabilità”.
  6. “Riduzione dei compensi percepiti dal Top Management”
  7. “Armonizzazione della fiscalità, in un settore in fase di riorganizzazione, a livello europeo ed uso della liquidità presente nel sistema per fare ripartire gli investimenti”.

Abbiamo da tempo proposto di prevedere una black list dei prodotti a rischio. Sarebbe ora che il Governo ne prevedesse l’obbligo, inserendone la previsione nell’atteso emendamento al provvedimento c.d. “ salva banche “.

 

Non condividiamo gli attacchi indiscriminati a Banca d’Italia. Non a caso avevamo anche richiesto il rafforzamento dei poteri della Vigilanza, ivi compreso quello di potere rimuovere i vertici ritenuti inadeguati.

Dal 1° agosto 2013 è in vigore una comunicazione della Commissione UE dove si chiarisce che, prima che lo Stato possa venire in aiuto di una banca, i detentori di azioni e di obbligazioni subordinate devono subire le perdite necessarie e ridurre al minimo indispensabile l’aiuto dello Stato.

Cosa hanno fatto banche e autorità per informare adeguatamente  i risparmiatori?

Nella vicenda delle vecchie 4 banche, l’attenzione si è concentrata giustamente sui detentori delle c.d. obbligazioni subordinate ma, se – come da più parti si va dichiarando – si tratterebbe addirittura di una “ truffa “, che dire ai piccoli azionisti ?

Il direttore generale della Banca d’Italia ha dichiarato:

 

«Prodotti inadatti e figli della cultura finanziaria anglosassone sono quelli che hanno dato luogo nel 2007 alla più grande crisi dal ’29 a oggi. La verità è che il Governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, in tempi non sospetti ha chiesto di arrivare a vietare la vendita di obbligazioni subordinate agli sportelli in modo che solo investitori istituzionali potessero acquistarli e non i semplici risparmiatori». 

 

Se è così, cosa c’entrano i dipendenti, additati a complici o ignavi ?

 

Lo stock di obbligazioni subordinate emesse dalle banche è notevole.

 

Tanto più è necessario fare chiarezza, perché il rapporto di fiducia è tutto.

 

Le dichiarazioni odierne di un ex dipendente di una delle 4 vecchie banche, il quale ha collocato le obbligazioni subordinate al pensionato di Civitavecchia, sono sconvolgenti: “Avevamo l’ordine di convincere più clienti possibili ad acquistare i prodotti della banca – spiega nell’intervista ad un quotidiano – Settimanalmente eravamo obbligati a presentare dei report con dei budget che ogni filiale doveva raggiungere. L’ultimo della lista veniva richiamato pesantemente dal direttore”. “Ci dicevano che la banca era sull’orlo del fallimento, e che l’aumento di capitale serviva a salvarci e che se non ci fossimo dati da fare la banca avrebbe chiuso e noi saremmo stati licenzianti. Ecco perché ognuno di noi convinceva più clienti possibili”.

 

Non si perda tempo, si accerti quanto effettivamente avvenuto, anziché speculare.

 

Se, come è stato dichiarato dal Commissario Ue ai servizi finanziari,  le vecchie banche oggetto del salvataggio hanno venduto strumenti finanziari inadeguati a persone che erano ignare del rischio che stavano correndo, il provvedimento annunciato dal Governo è chiaramente inadeguato.

 

Eppure le obbligazioni subordinate sono state collocate quando le 4 vecchie banche non erano in crisi, anzi avevano rating elevati.

 

E cosa dice la CONSOB, autorità che vigila sulla trasparenza e correttezza dei rapporti tra operatori finanziari e clienti, l’ Arbitro chiamato a decidere,  caso per caso,  sui danni subiti dai 10.350 piccoli risparmiatori (obbligazionisti subordinati) coinvolti dal decreto salva-banche ?

 

Dal 1° gennaio 2016, in base a una direttiva europea, solo di recente recepita nell’ordinamento del nostro Paese,  lo Stato potrà venire in aiuto di una banca solo se prima una quota delle perdite sarà stata addossata agli azionisti e ai creditori della banca stessa, compresi i detentori di obbligazioni ordinarie e i depositanti (saranno esentati solo i depositi inferiori ai 100mila euro, coperti dalla assicurazione).

 

La direttiva stabilisce che per tutelare i diritti di azionisti e creditori “è opportuno stabilire obblighi chiari riguardo alla valutazione delle attività e delle passività dell’ente oggetto a risoluzione”,

 

E’ ora che Governo, Istituzioni di vigilanza, sistema creditizio e finanziario si aprano ad un confronto in materia di trasparenza dei servizi bancari e finanziari, di informazione e formazione a tutela dei risparmiatori, di tutela per gli addetti, i quali rischiano di essere chiamati a rispondere di responsabilità altrui.

 

Abbiamo già chiesto e ripetutamente alla Associazione Bancaria Italiana di aprire il confronto con le Organizzazioni sindacali per regole certe e pratiche atte a contrastare le pressioni commerciali e la vendita di prodotti a rischio.

 

A che punto è l’adeguamento da parte degli intermediari bancari e finanziari alle nuove DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI – CORRETTEZZA DELLE RELAZIONI TRA INTERMEDIARI E CLIENTI di Banca d’Italia, in vigore dal 1° ottobre scorso ?

 

Lo denunciamo da tempo: le “ pressioni commerciali “ sugli addetti sono effettivamente insostenibili.

 

E, nonostante ciò, i lavoratori bancari operano quotidianamente nel rispetto delle disposizioni di legge e delle autorità di vigilanza.

 

Tanto più è intollerabile che, alla fine della fiera, proprio i lavoratori vengano additati a complici nella vendita dei prodotti finanziari a rischio.

 

Roma. 12 dicembre 2015

 

FISAC/CGIL

 

Il Segretario Generale

 

Agostino MEGALE

 

Dopo il doppio turno casalingo l’Etomilu Globo torna a giocare in trasferta contro i salentini del Md Quarta Monteroni, formazione che con 10 punti in classifica sopravanza di due punti proprio i giuliesi. Quale occasione migliore per provare l’aggancio in classifica?
Giulianova si presenta a questa gara forte del ventello alla BCC Vasto sette giorni fa, Monteroni invece dalla sconfitta di 12 punti subita in quel di Bisceglie .
I padroni di casa,  allenati da coach Manfreda, dopo una fase iniziale di stagione che li ha visti nelle zone alte della classifica, nell’ultimo mese e mezzo hanno tirato il freno vincendo una gara delle ultime 6 e perdendo consecutivamente le ultime 4 uscite stagionali. Il roster è di buonissimo livello con un buon mix di giocatori di categoria ed altri con minore esperienza in serie B. Il leader è sicuramente Mimmo Mocavero, centro visto anche a Campli e con un passato illustre in A2 e B, che sta vivendo una stagione magica come dimostrano i quasi 24 punti di media che lo pongono in vetta alla speciale classifica. Quasi sicuramente, dopo quattro turni di stop, sarà della partita anche Alessandro Potì che porta punti e talento al pacchetto di esterni. Proprio tra gli esterni non va sottovalutatoYancarlos Rodriguez, che a dispetto del salto di categoria, sta disputando una stagione super specie dal punto di vista offensivo.
L’ Etomilu Globo si presenta a questa gara con il morale alto per la vittoria conquista sette giorni fa contro Vasto ma con al solito l’infermeria piena, costante ormai di tutta la stagione giallorossa. In settimana coach Francani ha dovuto far a meno di Marco De Angelis, il cui rientro in squadra è ancora da stabilire, Simone Di Diomede, fermo per un problema alla caviglia ma quasi sicuramente della partita, e di Riccardo Bartolozzi i cui problemi fisici stanno creando quale preoccupazione allo staff tecnico giuliese che quasi sicuramente dovrà privarsi dei suoi servizi anche nella prossima trasferta salentina. Per il resto tutta la settimana è stata rivolta a preparare al meglio questa importante gara.
Quella contro Monteroni non sarà di certo una partita semplice per la squadra di Francani visto che i pugliesi vogliono ritornare a vincere dopo un periodo negativo piuttosto prolungato. Bisognerà limitare lo spauracchio Mocavero che sta giocando con una continuità di rendimento forse come mai avuta nella sua pur lunga carriera. Toccherà a Simone De Angelis e Diener il compito di limitarlo al meglio, senza dimenticare gli esterni monteronesi capaci in stagione di prestazioni di ottimo livello .
Appuntamento con la palla a due, domani alle ore 18:00 sul parquet della Palestra VElodromo degli ulivi di Monteroni di Lecce.
print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi