GESTIONE DELL’ATER DI CHIETI LE CARTE FINISCONO ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA

8 Aprile 2014 21:440 commentiViews: 5

 

 

“Sulla gestione dell’Ater di Chieti ci sono ancora ombre che necessitano di approfondimenti da parte dell’autorità giudiziaria, per questo oggi stesso abbiamo inviato alla Procura della Repubblica di  Chieti un fascicolo meritevole di valutazioni” è il commento dei consiglieri regionali Claudio Ruffini, Maurizio Acerbo e Giuseppe Di Pangrazio.

 

“Accanto alla situazione deficitaria dei bilanci dell’Ater di Chieti sono corrisposti degli aumenti sproporzionati delle indennità del direttore e dei dirigenti” aggiungono Ruffini ,Acerbo e Giuseppe Di Pangrazio “basti pensare che i costi del personale sono passati dai 900 mila euro del 2004 ai 2,6 milioni di euro del 2012. Se non vi fossero stati tali aumenti delle indennità del direttore e dei dirigenti, il deficit dell’Ater poteva essere più contenuto e controllato attraverso decisioni che oggi vengono assunte con il carattere della straordinarietà, costringendo l’Ater ad alienare parte del suo patrimonio.”

 

L’Aquila 08.04.2014

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi