LA VALLE DEL TIRINO PRONTA AD ACCOGLIERE LE GABBIE DI CATTURA Decisivo l’incontro di questa mattina ad Assergi

24 Settembre 2013 23:540 commentiViews: 8

LA VALLE DEL TIRINO PRONTA AD ACCOGLIERE LE GABBIE DI CATTURA

Decisivo l’incontro di questa mattina ad Assergi

Assergi (24/09/2013) – Nel corso di un’intensa e positiva concertazione, oggi ad Assergi, nella sede dell’Ente Parco, sono state poste le basi per avviare nella Valle del Tirino operazioni di contenimento del cinghiale utilizzando la tecnica della cattura tramite chiusini.

Oltre al Presidente, Arturo Diaconale, al Direttore, Marcello Maranella, e allo staff dell’Ente incaricato della problematica, hanno preso parte all’incontro il Sindaco di Ofena, Mauro Castagna,  l’Assessore Sonia Del Rossi, di Bussi sul Tirino, il tecnico del Comune di Capestrano Domenico Cimetta, gli agricoltori che già nel precedente incontro di Ofena si erano detti disponibili ad ospitare le gabbie sui loro terreni, Claudio Petronio dell’Azienda zootecnica Gran Sasso e il presidente Landi, della Cooperativa ARAS Marche, Associazione Regionale Allevamenti Alternativi e Selvaggina.

Particolarmente Illuminante è stata la testimonianza del Consorzio Cooperativo di Amatrice, rappresentato dal Presidente Michele Di Gianvito, che ha illustrato i passaggi operativi e normativi che hanno condotto alla creazione di un esperienza unica nel suo genere nel territorio di Amatrice,  con la creazione di una filiera delle carni di cinghiale, esperienza che sta dando risultati soddisfacenti sia sul piano delle catture e dunque della riduzione del numero dei cinghiali, sia sul piano economico, assicurando integrazioni di reddito alle aziende aderenti e diminuzione dei danni all’agricoltura.

Nella circostanza sono stati chiariti, inoltre, gli aspetti normativi che regolamentano le attività di contenimento della fauna selvatica all’interno delle aree protette.

Il dato emerso è che prossimamente sei agricoltori della Valle del Tirino riceveranno dall’Ente Parco in affidamento diretto altrettante gabbie di cattura, insieme alle casse per il trasporto degli animali e sperimenteranno il percorso di cattura per un anno, contando sul know how del Parco e sul sostegno delle Amministrazioni Comunali che si sono mostrate pienamente solidali. Secondo la norma, le fasi di cattura saranno effettuate sotto la stretta sorveglianza del Corpo Forestale dello Stato ed i controlli sanitari della ASL.  Per quanto attiene alle fasi successive alla cattura è stata significativamente individuata la possibilità di una promettente sinergia tra la ARAS Marche, l’Azienda zootecnica Gran Sasso, gestore del mattatoio di Castel del Monte e lo stesso Consorzio Cooperativo di Amatrice.

Soddisfazione è stata espressa dai vertici dell’Ente Parco che hanno ricevuto dal Sindaco di Ofena, Castagna, rassicurazioni per un’azione pienamente condivisa, affinché il percorso virtuoso che si va ad intraprendere non sia deviato o vanificato da inutili e dannose operazioni oppositive che, come sperimentato in passato proprio nell’area pilota di Amatrice, non aiutano l’ambiente, né il territorio o le comunità che lo abitano.

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi