1

Teramo. Calcio – Città di Teramo: definita la rosa che affronterà il campionato di Promozione Abruzzo – girone B – 2022/2023. Esordio contro Piano della Lente sabato 17 settembre, ore 15,30

 

La Rosa della SSD Teramo 2022/2023

PORTIERI
BOZZI LORENZO. 2002
DONATEO ANTONIO

DIFENSORI
SPERANZA IVAN (capitano)
PEPE ALFONSO
BERARDI FRANCESCO 2004
CRISTOFARI JACOPO
COZZI STEFANO 2003
MARCONI ALESSIO
ANDREOZZI MARIO 2002

CENTROCAMPISTI
FARINDOLINI LORENZO
FERRAIOLI EMANUELE
MARCONE LORENZO 2004
ANTONELLI MARCO
SPUTORE ALESSIO 2004
TATO
CENSORI ANDREA

ATTACCANTI
NIKITA KOVALONOKS
IKRAMELLAH ANAS
PALUMBO COSMO
CALDERARO GIACOMO
DI MATTEO STEFANO 2002

Ultimo arrivo nella rosa del Città di Teramo a poche ore dalla chiusura del calciomercato.

È il centrocampista classe 2004 Mattia Milozzi che arriva in prestito dal Montegiorgio.

DS D’ERCOLE PAOLO
ALLENATORE POMANTE MARCO
ALL IN SECONDA VESPA VINCENZO
PREP ATLETICO PETRARCA FRANCESCO
PREP DEI PORTIERI DI GIACOMO GIANNI
FISIOTERAPISTA PORRINI FEDERICO
MAGAZZINIERE DI UBALDO MAURO




Giulianova. Lunedì 18 luglio, ore 11,30, presentazione alla stampa del 2° memorial in musica “Luciano Crescentini”

Per l’anno in corso si ripeterà il Memorial dedicato al compianto Luciano Crescentini, con il patrocinio del Comune di Giulianova, in piazza Buozzi a Giulianova nelle serate di sabato 6, domenica 7 e lunedì 8 agosto 2022.

Anche quest’anno ci sarà una Kermesse musicale riservata a gruppi di musicisti e giovani musicisti che si esibiranno esclusivamente dal vivo. Anche quest’anno, i gruppi si esibiranno gratis a testimonianza del grande riguardo che il mondo della musica aveva per Luciano Crescentini, conoscitore e amante della musica in generale.

Per illustrare i dettagli di svolgimento delle tre serate, la Direzione artistica convoca una

CONFERENZA STAMPA per lunedì 18 luglio 2022 alle ore 11,30 presso la sala Buozzi, in Largo Acerbo a Giulianova.




Pescara. Francesco Feola presenta “La casa di Làgosta”, dialoga con l’autore: Carlo Cetteo Cipriani e Gianni Oliva, giovedì 7 luglio ore 18,30

LA CASA DI LAGOSTA. Un libro che ci coinvolge un po’ alla volta, ed alla fine mette l’animo in pace per una lunga storia risolta, ma che lascia un sottile senso di vuoto della mancanza del seguito.
Nell’Adriatico, da una parte le isole dalmate, dall’altra il monastero cistercense di S. Giovanni in Venere. Cos’hanno in comune, a distanza di 7 secoli ? Cosa lega Francesco, un dalmata italiano costretto dal regime di Tito ad abbandonare la donna e i luoghi della sua giovinezza ed un giovane monaco che nel 1316 parte da San Giovanni su una caracca per finire naufrago e poi alla corte d’un Re serbo ? Francesco dopo molti anni sente il bisogno di tornare da Pescara alla sua isola, Làgosta, per cercare la memoria della vita misteriosa del padre, morto da tempo, nella casa avìta dove troverà il legame che unisce le due coste, con colpi di scena intriganti.

Sullo sfondo azzurro e luminoso delle isole croate, si svolge la vicenda di Francesco, un dalmata italiano costretto dal regime di Tito ad abbandonare i luoghi della sua giovinezza.

Dopo molti anni, quando gli echi della guerra civile jugoslava non si erano ancora spenti, il protagonista torna alla sua casa natale sull’isola di Làgosta, che porta anche tracce inaspettate di un passato a lui nascosto. La volontà è quella di andare sulle orme del padre morto, figura misteriosa di intellettuale, ma la ricerca lo porterà in ambiti nuovi e sconosciuti. L’incontro con Dunja, la donna ritrovata della sua giovinezza, darà nuovo impulso alle ricerche.

Con un salto temporale di molti secoli, il lettore è proiettato in un’altra dimensione che lo conduce nello scenario mistico di un’abbazia medievale, quella di San Giovanni in Venere in Abruzzo, da cui muove un altro viaggio avventuroso, quello di Michele, monaco cistercense, verso Ragusa di Dalmazia.

 

Due epoche, due terre, due viaggi si snodano e si riannodano in un continuo alternarsi tra arte, storia e rotte marine di un Adriatico che separa e congiunge due sponde i cui legami si perdono nella notte dei tempi.

 

(Premessa di Gianni Oliva)




Teramo. Ordinazione Presbiterale di don Giuseppe Pace, Duomo di Teramo 18 giugno 2022, ore 18.30. Domenica Santa Messa a Giulianova: Annunziata alle 10,30 e San Flaviano alle 18,30.

 

La Chiesa che è in Teramo-Atri annuncia con gioia l’ordinazione presbiterale di don Giuseppe Pace per l’imposizione delle mani e la preghiera consacratoria di Sua Eccellenza Rev.ma Monsignor Lorenzo Leuzzi. La celebrazione avrà luogo sabato 18 giugno alle ore 18.30 nella Basilica Cattedrale di Santa Maria Assunta in Teramo.

Don Giuseppe Pace, 37 anni di Giulianova, intraprende da ragazzo il suo cammino di fede con la Gioventù Francescana presso il Santuario della Madonna dello Splendore, segnato in particolare dalle figure di padre Fernando Tribuiani e padre Paolino Potalivo. Decide quindi di proseguire e approfondire il suo percorso con l’Ufficio Vocazionale diocesano diretto da don Enzo Pichelli, che lo guiderà fino all’ingresso nel Seminario regionale abruzzese-molisano “S. Pio X” di Chieti. Altre figure di grande importanza per don Giuseppe sono state quelle di don Ennio Di Bonaventura, sacerdote della sua Parrocchia d’origine (Maria SS. Annunziata), e quella di don Enzo Manes, presso la cui parrocchia di San Flaviano ha svolto il servizio di diacono.

 

Nella giornata di domenica 19 giugno, Solennità del Corpus Domini, il novello sacerdote presiederà per la prima volta l’Eucaristia alle ore 10.30 nella Parrocchia di Maria SS. Annunziata e alle ore 18.30 nella Parrocchia di San Flaviano in Giulianova.




Giulianova. Associazione Culturale “Ermione”: Referendum 12 giugno, conoscere per scegliere. Sabato 28 maggio, ore 17,30, sala Buozzi




Giulianova. Il 25 aprile 2022 in Piazza Fosse Ardeatine, ore 16,30

 

 

 




Giulianova. Comune: inaugurazione dei rinnovati uffici dell’anagrafe e protocollo. Sabato 2 aprile, ore 11,30

Inaugurazione dei rinnovati spazi al piano terra della sede municipale di corso Garibaldi. Taglio del nastro fissato per oggi, sabato 2 aprile,  alle ore 11.30. Nei rinnovati locali troveranno posto gli uffici Anagrafe e Protocollo.




Giulianova. FIDAS-CUORE: Concerto di Natale, 28 dicembre, ore 20,30, Chiesa San Pietro Apostolo. Ingresso libero.




GIULIANOVA. MERCOLEDÌ 29 DICEMBRE, ORE 21,30, READING/PRESENTAZIONE “QUANDO PIOVE CANTO PIÙ FORTE”

MERCOLEDÌ 29 DICEMBRE ORE 21,30

READING/PRESENTAZIONE

QUANDO PIOVE CANTO PIÙ FORTE

Incontro con: Paolo FIORUCCI (chitarra e voce) 

A cura di: Manuela VALLERIANI  

 

https://www.ilnomedellarosa.com/quando-piove-canto-piu-forte/

“In Quando piove canto più forte la parola si fa possibilità per riconquistarsi, per tornare ad appartenersi, attraverso una scrittura immediata, lineare, ironica. Ogni poesia coltiva in sé i propri sogni e Fiorucci vola alto ma sempre con i piedi ben saldi alla terra”

REMO RAPINO

 

Paolo Fiorucci è “Il Libraio di Notte” e quando arriva la sera, da un piccolo paesino montano, i suoi versi prendono vita e abbracciano angoli vicini e orizzonti lontani.

Che siano ricordi, speranze, desideri, sconfitte, il dentro si mischia con il fuori, in una luce che si posa sulle cose con delicatezza e ne rende i contorni sfumati. E così accanto alle parole, ci sono le polaroid che lui scatta con una Spirit 600 CL, istantanee di un viaggio senza meta, fatto di soste nei crocicchi dell’amore, della giovinezza, della materia di cui siamo fatti.

Occorre fermare il tempo, per sedersi, ascoltare e lasciarsi emozionare da questo canto che si fa più forte quanto più fitta diventa la pioggia.

POSTFAZIONE di Amedeo Di Nicola

 

Paolo Fiorucci (1984), nasce a Chieti. Laureato in Lettere, apre nel 2018 la libreria Il Libraio di Notte di cui si sono interessati vari media nazionali, fra cui Il Corriere della Sera, Il Sole 24 Ore, Il Fatto Quotidiano, Rai 3, Tv2000, Radio 1, Radio 3 e tanti altri. Dal 2020 è direttore artistico del Festival “Libri nell’Entroterra” a San Benedetto in Perillis (AQ), paese dell’appennino abruzzese dove ha dato inizio al progetto “Borgo del libro” e in cui vive. Ha pubblicato il libro 21 poesie invece di chiederti come stai (2019, Riccardo Condò Editore).


 

TUTTE LE DOMENICHE

DALLE 16:00 ALLE 20:00 

“TORNEO DI BRIDGE”

 

Dopo una latitanza di oltre una creazione, ripartono a Giulianova i tornei di Bridge. Ogni domenica pomeriggio, dalle ore 16:00 alle ore 20:00, l’associazione culturale “Il nome della Rosa” ospita un torneo del gioco di carte più affascinante del mondo.

È DIFFICILE GIOCARE A BRIDGE?

Sgombriamo il campo da un pregiudizio comune. No. Non è difficile. Ma, certo, la presenza diverse regole e strategie di gioco di tempo e pazienza per essere appreso ed assimilato.

Pertanto, si può imparare a giocare a bridge solo seguendo un corso di prossima organizzazione presso il circolo, tenuto da un istruttore federale.

Ma la spesa fatica per imparalo è poi ampiamente ricompensata dalle soddisfazioni che esso dà quando una giocata o una strategia di gioco risulta vincenti.

Il bridge è pertanto un ottimo strumento per esercitare la memoria e stimolare la mente, adatto per tutte le età…

https://www.ilnomedellarosa.com/torneo-di-bridge/


 




Teramo. Presentazione della rete degli spazi di lavoro condiviso in Abruzzo e del progetto Opencoworking, 27 dicembre ore 11,30.