Proiezione del film-documentario “Wartime Notes” di Barbara Cupisti  in occasione del secondo anniversario dell’invasione russa dell’Ucraina

 
VIENNA – In occasione del secondo anniversario dell’invasione russa dell’Ucraina, la Rappresentanza Permanente d’Italia presso l’OSCE, in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Vienna, ha organizzato la proiezione del film-documentario “Wartime Notes” di Barbara Cupisti, prodotto da Clipper Media con Rai Cinema.
 
Il film racconta la resistenza non armata in Ucraina seguendo i percorsi e le scelte di alcune figure particolarmente rappresentative che cercano di “trovare un significato alla futilità della guerra scoprendo la forza e il coraggio delle donne e degli uomini ucraini”. Tra i protagonisti del film figura anche Oleksandra MatviichukPremio Nobel per la Pace 2022.
 
Numerosi sono i riconoscimenti che il film ha ricevuto a livello internazionale. È stato presentato al 52° Molodist Kyiv Film Festival, al 9° Festival Internazionale del Documentario Visioni dal Mondo di Milano e alla 44ª edizione del Festival del Cinema e delle Donne di Firenze“Wartime Notes” ha vinto il premio come miglior film straniero al Bir Duino Film Festival in Kirghizistan.
 
Il film è disponibile sulla piattaforma RaiPlay: https://www.raiplay.it/programmi/wartimenotes
 

Quindicesimo appuntamento con il calendario dedicato alla città di Roseto degli Abruzzi.

Gli autori hanno scelto il nome di “C’era una volta Roseto”, per descrivere le immagini che riportano indietro nel tempo la memoria.
Quest’anno doppia immagine per ciascuno dei 13 mesi, con una carrellata di 28 cartoline d’epoca che mostrano una città che cambia con il passare degli anni.
La selezione fotografica effettuata dai titolari dell’azienda Cristian, Patrizio e Riccardo riguarda scorci del territorio, di Roseto degli Abruzzi, che immortalano la spiaggia, il lungomare, il panorama, via Nazionale, ma anche la chiesa, la stazione, via Thaulero e la scomparsa fontana del cubo e l’ormai demolito belvedere sul lungomare centrale.
I collezionisti Luciano Di Giulio e Emidio D’Ilario che hanno fornito le vecchie cartoline, hanno consegnato alla Tipolitografia Rosetana oltre 600 vedute, e tra queste sono state accuratamente selezionate e poi stampate, le 28 utilizzate per il calendario 2024.
Un vero salto nel passato per coloro che mese per mese sfogliano le pagine del calendario di quest’anno.
Questo il commento dei titolari della Tipolitografia Rosetana, Risi, Serafini e Innamorati, che continuano con la pubblicazione dell’ormai tradizionale calendario con immagini che ripropongono anno per anno pezzi scomparsi della città delle rose
“Dopo i vari calendari tematici dei precedenti 14 anni, per il 2024 abbiamo voluto un calendario con varie vedute cittadine, e tra queste alcune scomparse, e lo abbiamo chiamato “C’era una volta Roseto”, per non dimenticare le nostre radici e le nostre bellezze che hanno fatto grande il nome della nostra Roseto degli Abruzzi”.
Vogliamo ricordare che oltre alla distribuzione, sono disponibili presso la sede della Tipolitografia, nella zona industriale di Roseto degli Abruzzi, alcune copie riservate ai cittadini che vi faranno visita.




TERAMO. “L’ASSOCIAZIONE CULTURALE DAL VESUVIO AL GRAN SASSO”: grazie ancora, caro Presidente Mario De Bonis per i 10 anni di attività ininterrotta.

La nostra Associazione culturale creata nel 2014 sotto lo sguardo affettuoso e vigile del compianto grande attore Luca De Filippo, a Teramo, festeggia nel 2024 dieci anni di attività, con puro volontariato nello studio e ricerca dell’arte teatrale, e soprattutto poetica del famoso letterato partenopeo.

Per tanto onore e piacere il tutto, fatto di conferenze, incontri scolastici, interviste, serate rotariane, passaggi televisivi, ritagli stampa, viaggi di studio in tutta Italia, e non solo, accompagnato dal fortunato libro “Eduardo visto da vicino” in seconda edizione di Ricerche&Redazioni – Abruzzo Teramano, è ormai storia riportata in tante pagine di internet, facilmente consultabile da appassionati lettori.

Piace quindi a noi tutti dedicare al nostro Presidente Mario De Bonis ogni ringraziamento per il grande impegno profuso e lo facciamo ricordando qualche suo riconoscimento ottenuto e qui sotto elencato:

  1. Nomina a Cavaliere della Repubblica Italiana col Presidente Scalfaro
  2. Nomina a Commendatore Pontificio con Giovanni Paolo Secondo, oggi Papa Santo
  3. Con la presentazione del libro “Monsignor Donato De Bonis-Mezzo secolo di sacerdozio con cinque Papi” a Cracovia, ospite del Cardinale Stanislaw Dziwisz, già segretario del pontefice polacco, consultabile in internet (IL LIBRO STORICO SU MONS.DONATO DE BONIS) e su Wikipedia in formato pdf
  4. Con i doni di Eduardo De Filippo alla Famiglia De Bonis, poi affidati alla storia nella Sezione Teatrale della Biblioteca Nazionale di Napoli, al secondo piano di Palazzo Reale, ben menzionati dal Cardinale Sepe
  5. Con la presentazione a Dubai,  in uno all’ing. Davide Persia,  della ormai famosa preghiera alla Madonna Assunta nella omonima Chiesa cattolica, benevolmente accolti dal rettore Fr. Lennie J. A. Connully
  6. Con la “Rosa d’argento” del Comune di Roseto degli Abruzzi, con Sindaco Di Bonaventura
  7. Con il XIII° Premio Di Venanzo a Teramo, della fotografia cinematografica, Presidente Chiarini
  8. Con il XXI° Premio Nazionale Paolo Borsellino, Presidente Leo Nodari alla Prefettura di Pescara
  9. Con il libro “Eduardo visto da vicino”, in seconda edizione di Ricerche&Redazioni – Teramo

Grazie ancora, caro Presidente De Bonis, con tutto quanto qui appresso documentato in allegate immagini e con auguri di lunga vita e di ogni bene!

_____________________________________________________________________________

“ASSOCIAZIONE CULTURALE DAL VESUVIO AL GRAN SASSO”-Teramo

Website: https://dalvealgran.wixsite.com/dalvealgran

 




Torrevecchia Teatina. NASCE IN ABRUZZO LA PRIMA RETE MONDIALE DEI MESSAGGI D’AMORE

 

CHIETI – In occasione della festività di San Valentino,il Museo della Lettera d’Amore e il Centro ecumenico e del dialogo interreligioso della Parrocchia di Torrevecchia Teatina hanno promosso un’iniziativa perscaldare il cuore a un’umanità afflitta da problemidi ogni genere:“Interamiamoci”, la prima rete dei messaggi d’amore. Si attendono adesioni da tutte le parti del mondo per creare un data base di brevi frasi che saranno raccolte e conservate fisicamente presso il Museo della Lettera d’Amore e digitalizzate.

 

L’obiettivo è di promuovere l’unione dei popoli in nome dei messaggi dell’amoree di costituire un relativo Comitato internazionale. Ogni anno il Comitato deciderà di compiere il gesto simbolico di portare tutti i messaggi raccolti in un luogo abbisognevole. Verrà altresì promosso un incontro nel corso del quale si sosterrà il progetto di proclamare nel pianeta un minuto di raccoglimento in cui venga condiviso il pensiero dell’amore verso tutti gli altri esseri umani.

 

L’amore è una forza che tende a unire, a creare energia, a produrre il bene. Se ogni creatura umana amasse un’altra, se ogni creatura si sentisse veramente amata, non nascerebbero così facilmente conflitti e guerre. Sentirsi amati aiuta a creare uno stato di serenità, di appagamento, di fiducia nell’altro e in se stesso. Contribuisce a vivificare l’identità tramite la capacità di sentire l’altro. La creatura umana sta perdendo la capacità di essere sentita, di ascoltarsi, di ritrovarsi nella propria intimità come nella propria casa, nella propria segreta benefica identità naturale, nella propria autenticità.

 

I popoli non sono ancora pronti per unirsi; non possono essere l’economia o la freddezza degli scambi commerciali a generare la passione per l’unità nell’amore.L’amore è parola dell’amore,e l’amore è un messaggio che con la parola può raggiungere distanze infinite.La parola-messaggio prepara, dichiara, chiama a sé il più meraviglioso dei sentimenti dell’intimità silente: l’amore.

 

Giuseppina Verdoliva, presidente dell’Associazione AbruzziAMOciche gestisce il Museo, implora: Aiutateci a realizzare questo nostro sogno d’amore, basterà inviare il messaggio per via instagram, messenger, sui social del Museo, oppure per e mail, per posta ordinaria o per whatsApp”.I messaggi dovranno riguardare l’amore in tutte le sue formeed essere contenuti in una frase (max 470 caratteri spazi inclusi). Esempio: “L’amore vero è senza limiti, ma sa limitarsi, per andare incontro all’altro, per rispettare la libertà dell’altro.” (Papa Francesco).

 

Le dichiarazioni o proposte d’amore potranno essere dedicate alla persona amatao a una persona di cui si è innamorati segretamente (reale o anche immaginaria, come un divo o una diva del cinema, per esempio) enon dovranno superare 2200 caratteri, spazi inclusi. I messaggi, le proposte, le dichiarazioni d’amorepotranno essere scritti nella lingua dello scriventecon annessa traduzione in lingua inglese, i più interessanti saranno oggetto di illustrazione sulla pagina Instagram del Museo, oppure trascritti a mano ed inseriti in bottiglia (messaggi d’amore in bottiglia) ed esposti nel Museo, e riceveranno un dono a sorpresa.

 

I messaggi andranno inviati ai siti del Museo della Lettera d’amore (facebook, instagram) o per email a: maxpamio@yahoo.ito per Whatsapp al (+39)3279960722.

 

Gli organizzatori hanno scoperto che negli Stati Uniti nel corso delle lezioni tra gli studenti circolano bigliettini soprannominati “Rizz book”sui quali vengono redatti battute divertenti in grado di attrarre i partner, del genere: “I miei genitori mi hanno detto di seguire i miei sogni e tu sei uno di questi”, “Sei il WI-Fi perché sei una connessione”, “Dammi un bacio se mi sto sbagliando, ma la Terra è piatta, giusto?”, “Sei fatto al 75% di acqua e io ho sete”. La rete dei messaggi d’amore vuole accogliere anche queste battute estemporanee, perché no?

 




Teramo. Sabato 24 febbraio l’Ufficio per le Comunicazioni Sociali della Diocesi di Teramo-Atri organizza un incontro formativo sul tema “Intelligenza artificiale e sapienza del cuore per una comunicazione pienamente umana”

Sabato 24 febbraio l’Ufficio per le Comunicazioni Sociali della Diocesi di Teramo-Atri organizza un incontro formativo sul tema “Intelligenza artificiale e sapienza del cuore per una comunicazione pienamente umana” che si terrà nella Biblioteca Diocesana in via San Berardo 22 a Teramo.

Nel ribadire l’invito a partecipare, vi ricordiamo che l’evento dà diritto a 6 crediti deontologici ai fini della formazione professionale continua




CREA IL LOGO CARIFERMO PER SCUOLE PRIMARIE. Il concetto del risparmio in chiave artistica

 

 

È in corso la nona edizione dell’iniziativa “Primo Risparmio Carifermo – Crea il logo!”, pensata dalla Cassa di Risparmio di Fermo per promuovere la cultura del risparmio tra gli alunni delle Scuole Primarie. Crea il logo ha come oggetto la produzione di un elaborato artistico (logo) che rappresenti il concetto di “risparmio economico”.

 

È possibile partecipare inviando i disegni alla Banca entro e non oltre il 3 aprile 2024 (info e regolamento su carifermo.it). Il primo premio è un buono acquisto del valore di 1000 euro, mentre le classi seconda e terza classificata riceveranno un buono da 250 euro. Tutte le classi partecipanti avranno in omaggio un salvadanaio per promuovere la cultura del risparmio all’interno della scuola.

Quest’anno saranno valutati positivamente dalla Commissione anche eventuali riferimenti al tema della sostenibilità.

 

Il logo vincitore sarà al centro della prossima campagna di comunicazione del prodotto “Primo Risparmio Carifermo”, il libretto di risparmio Carifermo dedicato ai bambini di età compresa tra zero e tredici anni, che prevede particolari operatività come ad esempio la possibilità, dal compimento dell’11° anno, di prelevare autonomamente un importo massimo di 25 euro al giorno.

 

Il progetto, che fa parte di un piano di attività rivolte ai giovani ed alla scuola, vuole sostenere la cultura del risparmio e favorire l’educazione finanziaria tra i più piccoli.

 

L’ottava edizione dell’iniziativa è stata vinta dalla classe IV C della Scuola Primaria (ISC Leopardi) di Grottammare. Il disegno vincitore è rappresentato nella copertina del volume dell’edizione 2022/2023, distribuita nelle scorse settimane a tutte le classi partecipanti. Nel libro sono pubblicati un disegno per ogni classe delle Scuole Primarie delle Regioni Marche e Abruzzo che hanno partecipato a Crea il Logo.

 

Inoltre sono in corso in queste settimane diverse visite guidate alle Filiali Carifermo da parte degli alunni delle Scuole Primarie per approfondire il tema del risparmio e partecipare con più consapevolezza all’iniziativa.

 




“ESSERE DIGITALI” alla BIBLIOTECA DELFICO, GIOVEDì 22 FEBBRAIO, ore 17

Giovedì 22 febbraio alle ore 17, presso la corte interna della  Biblioteca “Melchiorre Dèlfico” – Teramo, si terrà l’attesa presentazione del terzo titolo della collana “I quaderni di Scienze politiche” diretta da Francesca Fausta Gallo, direttrice del Dipartimento di Scienze Politiche presso l’UniTe / Università degli Studi di Teramo.
Il volume, dal titolo “Essere digitali. Le scienze della politica allo studio dell’ultima rivoluzione”, è a cura di Simone Busetti, Adolfo Noto e Roberto Romani, docenti presso il citato dipartimento. Insieme a loro interverrà il professore Guido Saraceni, docente di Informatica giuridica.
Il libro
Solitamente le grandi trasformazioni, le cesure, le transizioni, sono decodificate a posteriori dagli studiosi che ne valutano l’impatto sulla vita degli uomini, delle società, degli Stati e che le etichettano, spesso dopo decenni dagli accadimenti, con il nome di rivoluzioni.
La rivoluzione digitale è stata, invece, immediatamente percepita dai contemporanei che ne hanno colto subito la portata, a partire dai comportamenti individuali, provocando dei cambiamenti inarrestabili, ancora in atto, e che stanno investendo e interessando tutti gli aspetti del vivere: da quelli economici a quelli politici; dalle relazioni sociali al modo di collocare sé stessi nel mondo; dalle attività lavorative a quelle ludiche e ricreative; dal pensiero al linguaggio; dal diritto ai rapporti internazionali.
Il problema di questa ultima rivoluzione è il suo governo. Errore di partenza è stato pensare internet simile a un parco giochi cui tutti accedono senza nessuna forma di controllo. Ma ora è tempo, anziché abbandonarsi a paure distopiche, con gli strumenti della multidisciplinarità propri delle scienze della politica, di vedere, capire e cercare di indirizzare, questo mondo che sta radicalmente mutando sotto i nostri occhi.
La scheda
ESSERE DIGITALI
Le scienze della politica allo studio dell’ultima rivoluzione
a cura di Simone Busetti, Adolfo Noto, Roberto Romani
Teramo, Ricerche&Redazioni, 2023.
424 pagine – ISBN 978-88-85431-71-3
“I quaderni di Scienze Politiche” (3)
Prezzo: € 32
I curatori
I curatori del volume insegnano nel Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Teramo. Simone Busetti è professore associato di Scienza politica, Adolfo Noto è ricercatore di Storia del pensiero politico, e Roberto Romani è ordinario di Storia del pensiero economico.



Roseto degli Abruzzi. Coreografia corale contro la violenza di genere con 340 atleti delle società di tutto l’Abruzzo in apertura di Sport per la Vita

 

Incasso di 16.109,50 euro a favore del  Centro Regionale per la Fibrosi Cistica dell’Ospedale di Atri e alla Fondazione Veronesi

 

Tremila spettatori per i 38 anni del Gran Galà di Pattinaggio Artistico

Roseto – 18 FEBBRAIO  2024 – Grande successo al PalaMaggetti di Roseto dove sabato 17 febbraio tremila persone hanno applaudito i campioni del Mondo di Pattinaggio Artistico che hanno partecipato alla 38° edizione del Gran Galà Internazionale Sport per la Vita “Memorial Licia Giunco”. A fare gli onori di casa il Sindaco della Città Mario Nugnes, il Prefetto di Teramo Fabrizio Stelo e il Vicario del Vescovo Don Francesco Sanna.

Applausi carichi di emozione per 340 atleti delle società di pattinaggio abruzzese con una coreografia collettiva dedicata alla sensibilizzazione  sul tema della violenza di genere e di tutte le violenze sulle minoranze.

Applauditissima la performance della cantante e atleta paralimpica Annalisa Minetti che ha dedicato al pubblico alcuni dei suoi brani più amati.

 Il Gran Galà Internazionale di pattinaggio artistico, organizzato dalla società Skating La Paranza di Roseto presieduta da Nicoletta Piccioni e la collaborazione della pluricampionessa del mondo Debora Sbei,  ha offerto uno spettacolo pieno di ritmo con i campioni del mondo: Bianca Fei Campionessa italiana cat.allievi singolo femminile; Micol Mills e Tommaso Cortini, Vice campioni del mondo  coppia artistico;  Rebecca Pirani e Viola Luciani rispettivamente vice e campionessa italiana di Freestyle; Alessandro Liberatore 3° classificato ai campionati europei  nel singolo maschile; Nicholas Masiero Campione italiano Solo dance; Gioia Fiori 3° classificata ai campionati del mondo Juniores nel singolo femminile; Martina Nuti e N. Masiero Vice campioni del mondo insieme  in coppia danza; Giada Luppi  Vice campionessa del mondo nel singolo femminile; Pau Garcia Campione del mondo nel singolo e Alice Esposito e Federico Rossi campioni del mondo in coppia artistico.

La serata è stata arricchita anche da gruppi spettacolo e sincronizzato: il Collettivo Sport per la Vita;; T.M. Sincro Abruzzo; New Dream – Gruppo pattinaggio Saracedo; Renovatio;   Eclipse.

Il riconoscimento Sport e Cultura per la Vita:

La Rosa D’Argento 2024 è stata consegnata alla cantante e atleta paralimpica Annalisa Minetti

Motivazione: Straordinaria artista, atleta, donna che con coraggio, sacrificio, vigorosa determinazione e soprattutto con grande cuore, ha saputo inseguire e raggiungere i suoi sogni, dimostrando che con la giusta motivazione e il duro lavoro è possibile superare qualsiasi barriera e raggiungere prestigiosi traguardi. Il suo impegno nell’arte canora e nello sport non le hanno fatto però dimenticare i più deboli. Ha messo a servizio degli altri le sue capacità umane, sostenendo numerose iniziative di solidarietà e distinguendosi per la forte sensibilità sociale.

Molto toccante la consegna del Premio speciale 2024: “Riconosciamo il coraggio” a Mario Giunco, già funzionario del settore Cultura del Comune di Roseto.

Motivazione: Per il CORAGGIO” con cui ha tenuto alto il ruolo della Cultura nella nostra Città e per la determinazione con cui saputo tenere viva la storia di questa terra e le sue radici. A Mario Giunco si devono la conservazione di alcune raccolte librarie di grande valore, la cura dell’emeroteca comunale, l’ideazione di manifestazioni culturali che hanno avuto risalto nazionale citiamo tra le altre Roseto Opera Prima rassegna cinematografica dedicata ai registi esordienti che per tanti anni ha avuto come direttore artistico Il regista Tonino Valeri.

Mario Giunco è il testimone della nostra cultura In lui si identifica il coraggio di saperla difendere”.

 

Il Collettivo Sport per la Vita che vede insieme le società Skating La Paranza di Roseto e Magic Skate di Castelnuovo e Notaresco, ha catapultato il pubblico nell’epoca della Belle époque con lo spettacolo dal titolo “Moulin Rouge” un vero e proprio omaggio al Can Can un tipo di danza di origine francese che acquisì popolarità nell’ambito del cabaret al tempo della Belle époque.   Allenatrici Pina Di Martino e Annalisa D’Elpidio. Hanno collaborato Marta e Ottavia Rocci, Paola e Alessandra Di Sabatino.

Il Gran Galà si è chiuso con la consegna del generoso ricavato della serata pari a 16. 109,50 euro da parte della Presidente di Sport per la Vita Maria Luisa D’Elpidio,  Nicoletta Piccioni del comitato organizzatore. Parole di ringraziamento sono state espresse dal responsabile del reparto Fibrosi Cistica dell’Ospedale di Atri Pietro Ripani, nel ricevere l’incasso della serata e del piccolo Samuele, paziente del reparto, e da Franco Di Bonaventura rappresentante della Fondazione Veronesi. Tra le autorità presenti, oltre al Sindaco Mario Nugnes,  il presidente del consiglio comunale Gabriella Recchiuti, il consigliere Provinciale Enio Pavone, Manlio De Benedictis della FIRS, Italo Canaletti del Coni, e tutta l’amministrazione comunale.




Giulianova. Editoria: presentato il volume dell’artista fotografo Paolo Di Giosia e l’evento di chiusura della mostra “La razza nemica” del Museo della Shoah di Roma.

“ . Shoah: uno sguardo contemporaneo”. Ieri è stato presentato il volume dell’artista fotografo Paolo Di Giosia Puck DG e l’evento di chiusura della mostra “La razza nemica” del Museo della Shoah di Roma. Interventi del prof. Paolo Coen, Sorico dell’arte, Presidente del corso di laurea Dams dell’Università degli Studi di Teramo e professore ordinario in Museologia e Storia della critica d’arte presso lo stesso ateneo. Suo il saggio critico che introduce il volume fotografico. L’evento è stato introdotto dal direttore del Polo museale civico di Giulianova, Sirio Maria Pomante, seguito dalle letture di Barbara Probo. Presente l’editore del libro Giacinto Damiani di Ricerche&Redazione di Teramo.

Dopo l’incontro, abbiamo visitato il Loggiato “Riccardo Cerulli”, sotto il Belvedere, per visionare la video installazione “ Il silenzio di Dio”, anche questa firmata da Paolo Di Giosia.
“La sua ricerca – come scrive il prof. Paolo Coen nell’introduzione del volume fotografico di Di Giosia – ha principalmente a che fare con la forma e con la luce.” La passione dell’artista – aggiungo io – non si può discutere, indubbiamente traspare la sua passione e sentimento che lo distoglie da ogni forma di becero materialismo. Le foto dei due campi di concentramento e le due video installazione di ieri sera hanno lanciato un messaggio di riflessione. Il martellante ripetersi di voci e rumori, durante la proiezione, sono entrati nella mente dei presenti e nei ragazzi che in questi giorni hanno visionato la mostra. Questi eventi servono proprio per non dimenticare.



Giulianova. Editoria: La Fama e la Ricchezza, l’ultima fatica letteraria di Eugenio Flajani Galli