Abruzzo, In rilievo

BORSE LAVORO PER I PAZIENTI PSICHIATRICI: le Associazioni dei famigliari sollecitano la convocazione della Consulta Regionale per la Salute Mentale.

 

Le associazioni Cosma e Percorsi, rispettivamente guidate da Tiziana Arista ed Eugenio Di Caro esprimono soddisfazione per l’attenzione che le Istituzioni hanno finalmente rivolto al tema delle Borse Lavoro psichiatriche.

 

Cosa sono le borse lavoro? Sono uno strumento sanitario che permette a tante persone afflitte da malattie psichiatriche complesse di usufruire di un importante strumento di riabilitazione. Non è difficile comprendere che avere una pur ridotta autonomia economica e una funzione lavorativa, per quanto limitata, sia di grandissimo aiuto nella cura.

 

La materia è complessa e, come accade spesso, viene anche trattata in maniera contraddittoria all’interno della stessa Regione. È accaduto, infatti, che l’anno scorso (con la legge 6 del 13 aprile 2022) è stata cancellata la legge 94 del 2000 con la quale si assicuravano le borse lavoro per i pazienti in cura ai Centri di salute mentale. Piccoli assegni, che possono dare un minimo di dignità a queste persone ma, soprattutto, un grande aiuto per il loro reinserimentosociale.E si è aperto un dibattito sulla riforma dello strumento.

Le Asl di Chieti, di Teramo e dell’Aquila a seguito di una circolare dello scorso 23 dicembre dell’Assessorato alla Sanità che ha chiesto alle ASL, nelle more della predisposizioneall’interno della Consulta Regionale di nuove modalità per l’organizzazione e il finanziamento delle borse lavoro ,di garantire la continuità del servizio, hanno riattivato l’erogazione delle borse lavoro ai pazienti dei rispettivi Centri di salute mentale, quella di Pescara non l’ha ancora fatto.

L’Assessore Verì ha ribadito che nell’annualità in corso le ASL devono comunque garantire la continuità del servizio  anche in Consiglio Regionale lo scorso 31 gennaio rispondendo all’interpellanza del consigliere regionale di opposizione Antonio Blasioli (Partito democratico).

Per questo e per gli altri numerosi problemi che interessano la materia della Salute Mentale in Abruzzo  è urgente adesso una nuova convocazione della Consulta

“Possiamo manifestare una cauta soddisfazione”, spiega Eugenio Di Caro, di Percorsi, “per il fatto che nella riunione della Consulta di salute mentale del 20 dicembre scorso, l’assessore Verì ha dato disposizioni per attivare un unico Regolamento regionale per le borse lavoro, per evitare la situazione di oggi di applicazione diversa fra DSM. Dobbiamo lamentare però il ritardo che ancora perdura nell’approvazione di un atto di giunta, nonostante il nuovo Regolamento sia stato già predisposto dagli uffici dell’assessorato alla Sanità.Attendiamo con trepidazione una nuova convocazione dell’organismo per completare la riforma dell’istituto delle Borse Lavoro Le persone affette da malattie mentali vivono situazioni molto particolari e necessitano di una attenzione costante che non prevede pause”.

image_pdfimage_print
Condividi:

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.