Abruzzo, In rilievo

Dopo settimane di clima anomalo, le temperature tornano a scendere   e il WWF Abruzzo ricorda i consigli per aiutare l’avifauna nei mesi più freddi 

 

Dopo settimane di clima simil-primaverile, le temperature, negli ultimi giorni, si sono notevolmente abbassate ed è caduta la prima neve in alcuni paesi d’Abruzzo. È il momento per mettere in atto piccoli accorgimenti che possono essere d’aiuto a molte specie di avifauna che restano o arrivano nei nostri giardini e nelle nostre città durante l’inverno. 

Il WWF ripropone un’infografica con consigli pratici da mettere in atto per realizzare mangiatoie, semplici strutture per fornire cibo con regolarità dalle nostre case, terrazzi o giardini: semi, frutta o biscotti andranno benissimo per i piccoli uccelli che in questo periodo, con il freddo e la copertura nevosa, hanno spesso difficoltà ad alimentarsi. 

Le mangiatoie possono essere realizzate in diversi modi, in legno e posizionate su un palo, acquistate presso negozi specializzati o realizzate usando la fantasia e materiali di recupero. È importante, però, che vengano gestite con accortezza e che si seguano i consigli indicati. Molti sono gli spunti che si possono trovare in rete per la costruzione e il corretto funzionamento delle mangiatoie (ad esempio: https://www.wwf.it/pandanews/animali/mangiatoie-per-linverno/). Esse, inoltre, sono utilissime anche per osservare facilmente l’avifauna e imparare a riconoscere le principali specie. Passeri, cince, merli, pettirossi, tortore, fringuelli, codirossi e tantissime altre specie meno comuni potranno venire a farci visita… si rimarrà stupiti dalla grande biodiversità presente così vicino a noi. Ad esempio sulla piattaforma digitale  www.naturaitaliaindiretta.it sviluppata dalla Coop. Cogecstre nell’Oasi WWF – Riserva regionale “Lago di Penne”, si possono osservare in diretta, i numerosi uccelli che si alimentano nelle mangiatoie posizionate nell’area protetta ed imparare a riconoscerne le caratteristiche morfologiche, i nomi, i comportamenti, le abitudini alimentari ed etologiche, una preziosa possibilità per avvicinarsi in maniera consapevole alla natura e appassionarsi al suo studio e alla sua conoscenza.

 

I Consigli del WWF Abruzzo per realizzare le mangiatoie  

 

Tipi di mangiatoie  

Ne esistono di svariate tipologie, in legno a forma di casetta sistemata su un palo, a forma di cilindro in plastica o in rete metallica. Le mangiatoie possono essere costruite anche in modo artigianale recuperando bottiglie di plastica, contenitori per il latte o per i succhi di frutta, meglio se in colori mimetici e naturali o semplicemente appendendo agli alberi una palla di lardo e semi o riutilizzando una mezza buccia di arancia riempita di semi. Meglio se le mangiatoie sono coperte in modo da ripararle dalla pioggia e dotate di un foro per far uscire l’acqua piovana.  

Quale cibo utilizzare  

Frutta matura, bacche, miscele di semi (canapa, miglio, avena, girasole…), frutta secca, arachidi non salate, avanzi di panettone, lardo, strutto o margarina mischiati con briciole dolci e semi misti… anche camole della farina o mangimi per insettivori, se possibile, possono essere graditi. Non mettere pane, cibi salati o piccanti. Aggiungere una piccola ciotola con l’acqua da tenere sempre pulita.  

 

 

Periodo  

Le mangiatoie vanno istallate in inverno da dicembre a marzo, nel periodo in cui gli animali hanno maggiori difficoltà ad alimentarsi. La fornitura di cibo va gradualmente diminuita con l’arrivo della primavera e sospesa del tutto durante le stagioni più calde, anche per evitare che i giovani appena usciti dal nido diventino dipendenti dalla mangiatoia.  

Dove collocarla  

Il posto ideale per sistemare la mangiatoia è un punto tranquillo del giardino, magari protetto dalla vegetazione, dove la fauna selvatica si senta al riparo, ma che al contempo ci permetta l’osservazione e lo studio delle specie che vorranno farci visita. Si può collocare anche sul balcone o usare i rami degli arbusti presenti vicino casa per appenderle. In mancanza di giardini e balconi, andrà bene anche il davanzale di una finestra. In ogni caso va sistemata in un punto riparato e non esposto alla pioggia. Importantissimo sarà offrire il cibo a una altezza sufficiente a mettere al sicuro dagli attacchi dei predatori. La mangiatoia va sistemata infine in luoghi non frequentati dai gatti, che sono i maggiori predatori degli uccelli nelle aree urbane: tenerli in casa nei giorni di neve sarà un’altra preziosa accortezza per aiutare l’avifauna.   

Altre accortezze da seguire  

  • Mantenere la mangiatoia sempre pulita eliminando il cibo che non viene consumato per evitare la produzione di muffe e il propagarsi di infezioni che possono essere molto dannose per gli uccelli.  
  • Non interrompere mai la somministrazione di cibo per tutta la stagione invernale, gli uccelli si abitueranno a trovare nella nostra mangiatoia un punto certo per alimentarsi.  
  • Fare attenzione a non usare nella mangiatoia materiali taglienti o oggetti nei quali gli uccelli potrebbero impigliarsi e rimanere bloccati come le retine.  

 

image_pdfimage_print
Condividi:

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.