1

PD. Banderuole in Val Vibrata: cambi di casacca, promesse disattese e interventi inefficaci

 

 

Dopo 3 anni e mezzo di governo della regione, ci sono ancora dirigenti locali dei partiti di centro destra che si dilettano in comunicati deliranti contro la precedente giunta regionale, evidenziando, in verità, un unico dato: l’incapacità e l’inadeguatezza del centro destra abruzzese nel dare risposte quando è chiamato a farlo.

Le giunte di centro sinistra non hanno mai mancato di attenzione ai territori e alle criticità, ma, allo stesso tempo, con uno stile diverso, mai hanno annunciato 38 sopralluoghi nello stesso Comune e convocato altrettante conferenze stampa per annunciare fantomatici interventi risolutivi, con una arroganza e un senso di onnipotenza che rendono giocoforza ridicolo, agli occhi dei cittadini, chi subito dopo miseramente incassa fallimenti.

Scrivere comunicati in cui sostanzialmente si sostiene che “l’alunno si impegna ma non riesce” non fa onore a nessuno, né tanto meno risolve i problemi degli operatori balneari e di tante famiglie e tante attività in sofferenza.  Se a chi si mette a disposizione per cercare soluzioni efficaci, pur stando all’opposizione, si risponde con offese e slogan, evidentemente si ha più a cuore fare una perenne campagna elettorale che risolvere i problemi della gente.

Le offese, come spesso accade, provengono da chi, pur di raccattare voti, accoglie chi ha tradito 5000 elettori senza porsi nessun problema, passando da un partito all’altro, da banderuola e voltagabbana.

Naturalmente, chi è incline ai cambi di rotta, è normale che in campagna elettorale dica una cosa, mai più ripascimenti e pennelli e invece poi, con ritardo, faccia solo ripascimenti e pennelli. Qualcuno si diverte a contare le preferenze di uomini del PD,  ma attenzione perché di alcuni politici di centro destra, non è mai detto quale partito di turno conterà le future preferenze.

Infine, permettete una riflessione amara sul tentativo di usare “l’inaugurazione delle cantine” come elemento denigrante. Oggi i vini abruzzesi sono tra i migliori a livello internazionale, le nostre cantine, che danno lavoro a migliaia di persone, producono prodotti d’eccellenza la cui qualità dovrebbe inorgoglire tutti. Solo menti piccole e rozze possono pensare di offendere qualcuno rinfacciando un lavoro, che al contrario rivendichiamo, sulla valorizzazione di prodotti che esportano e promuovono il nostro territorio nel mondo.

Il Partito Democratico Provinciale di Teramo