Cultura & Società, In rilievo

LA CASA STUDIO DI LUCIANO VENTRONE A COLLELONGO  APRE LE SUE PORTE AL PUBBLICO E INAUGURA  LA “CASA-MUSEO LUCIANO VENTRONE” 

Via Terre dei Preti, 31

COLLELONGO (AQ)

Inaugurazione sabato 18 giugno ore 18.00

QUI LE IMMAGINI 

Luciano Ventrone_Etruria_2012_olio-su-tela_cm-50×50

Profondo Rosso_Luciano Ventrone

«La Casa-Museo di Luciano Ventrone esalta il suo universo caleidoscopico e sperimentale. Una visione dell’arte a 360 gradi, uno stile personalissimo sintetizzabile nella formula forma + colore = luce, sorprendentemente attuale e di grande ispirazione per gli artisti contemporanei, a partire da coloro che scelgono il linguaggio pittorico. Il pubblico lo potrà scoprire negli spazi della Casa-Museo di Collelongo». Con queste Parole Miranda Gibilisco la Presidente della Fondazione Luciano Ventrone e Miranda Gibilisco ETS e vedova del grande artista romano Luciano Ventrone, annuncia l’apertura della “casa Museo Luciano Ventrone”, presentata stamattina in anteprima alla stampa.

Domani sabato 18 giugno 2022 alle ore 18.00 la Casa museo aprirà per la prima volta al pubblico le sue porte con un allestimento dedicato, un programma di visite gratuite su prenotazione e tante iniziative che saranno realizzate anche insieme alle istituzioni del territorio e che, da subito, ne animeranno la vita con attività educative, corsi di pittura, progetti di residenze d’artista. La Casa-Museo sorge a Collelongo, il piccolo paese di montagna in provincia di L’Aquila adagiato su una Valle che dal Fucino sale dolcemente fino al Parco Nazionale d’Abruzzo. Qui il celebre artista romano stabilì il suo atelier preferito dove hanno visto la luce la maggior parte dei suoi dipinti che lo hanno reso famoso in tutto il mondo, a partire dalle sue ormai iconiche nature morte.

La Casa-Museo inaugura con un allestimento dedicato, un programma di visite guidate gratuite su prenotazione e un programma di iniziative in collaborazione con le istituzioni del territorio che da subito ne animeranno la vita con attività educative, corsi di pittura, e progetti di residenze d’artista. Il biglietto di ingresso sarà ridotto per gli abitanti di L’Aquila e dell’Abruzzo.

Dice Rosanna Salucci, sindaco di Collelongo: “L’apertura della Casa-Museo di Luciano Ventrone è un momento molto importante che la nostra comunità ha atteso a lungo, che ci onora e ci emoziona. È un segnale concreto di rinascita attraverso la cultura e le arti visive, un’opportunità unica per il nostro paese, oltre che occasione di ripartenza dopo la lunga pandemia. È una felice intuizione della signora Miranda Gibilisco, inseparabile compagna di vita del grande artista Luciano Ventrone, nostro illustre concittadino che ha reso Collelongo nota ben oltre i confini nazionali. La Casa-Museo di Luciano Ventrone si candida a essere uno straordinario polo della contemporaneità in un gioiello di archeologia, storia e natura come la nostra municipalità”.

LA CASA-MUSEO

Poco meno di trent’anni fa Luciano Ventrone (1942-2021) ha costruito a Collelongo la sua abitazione partendo dal suo studio dai soffitti altissimi e la parete a vetri affacciata sulle montagne. Si tratta di un vero e proprio laboratorio di sperimentazione attraversato da un tavolo di diversi metri interamente ricoperto da una collezione di colori a olio provenienti da ogni parte del mondo, tra cui moltissimi ormai rari e fuori produzione. Le pareti tutt’intorno sono oggi tappezzate da dipinti che ricostruiscono i quasi sessant’anni di ricerca dell’artista, contribuendo a creare un unico e caleidoscopico progetto di ricostruzione totale della sua opera

Tra le opere che si potranno ammirare, esposte al pubblico per la prima volta, figurano dei veri e propri “scoop”. È il caso di uno dei primi dipinti eseguiti da Luciano Ventrone alla giovane età di quattordici anni: una veduta del Lago di Thun (dove le Alpi cedono il passo all’Oberland Bernese) ripresa da una cartolina, lavoro rinvenuto recentemente che lascia letteralmente a bocca aperta per il precocissimo talento compositivo e la già sorprendente conoscenza e padronanza della tavolozza dei colori.

Nella visita un’altra grande emozione arriva di fronte all’ultimo lavoro eseguito dall’artista, la tela dal titolo Galassie, una grande natura morta di 90 x 130 cm, ultimata ma senza la firma dell’artista morto prima di poterla apporre.

Appena varcato l’ingresso dello studio di Luciano Ventrone si rimane, poi, rapiti da una grande tela con una natura morta in anamorfosi dei primi anni ottanta, già proveniente dalla rinomata Galleria Il Gabbiano di Roma e da poco tempo riacquisita dalla vedova dell’artista da un collezionista statunitense. Le anamorfosi sono lavori che richiedono un vero e proprio virtuosismo compositivo per la loro realizzazione, in quanto sono inganni ottici, rappresentazioni che divengono comprensibili all’occhio solo con l’impiego di uno specchio o con la veduta radente dell’opera da parte dello spettatore.

Una volta entrati accoglie i visitatori e sembra invitarli a continuare il percorso una serie di dipinti inediti degli anni settanta ispirati al mondo della fantascienza di cui l’artista era un grande appassionato, in particolare alla letteratura di Isaac Asimov e da 2001Odissea nello spazio, il grande capolavoro diretto da Stanley Kubrick considerato uno dei cult della science fiction cinematografica.

Il percorso espositivo comprende anche i bozzetti di alcune delle celebri “sfide” rivolte da Ventrone a Caravaggio oggi sparse in collezioni private: si tratta della riproduzione di alcuni capolavori del grande pittore della luce in anamorfosi riflessi sulle lampadine, eseguiti nei primi anni ottanta.

La Casa-Museo custodisce anche i lavori fotografici di Miranda Gibilisco (Siracusa, 1953) che ha raccolto negli anni più di 30.000 scatti realizzati nei viaggi tra mari, deserti, culture e mondi sempre nuovi, esposti  in diverse rassegne d’arte in Italia e all’estero. Sposata in giovanissima età con Ventrone, Miranda ne ha seguito costantemente l’attività. Le sue prime fotografie da professionista rappresentano proprio l’esito della collaborazione con il marito, di cui accompagna il lavoro per oltre cinquant’anni, preparando come fotografa i set in cui lui avrebbe realizzato le sue opere.

COLLELONGO

Collelongo (AQ) rappresenta un’importante meta turistica sia per la sua eredità archeologica sia per la sua posizione geografica compresa nei limiti di protezione esterna del Parco Nazionale d’Abruzzo. Il grande borgo è caratterizzato da ampi scorci naturali di rilevante interesse biologico e paesaggistico con una variegata presenza floristica e faunistica. È un’isola in mezzo alla storia e alla natura che offre ai suoi abitanti e ai numerosi visitatori una risposta completa alle esigenze di cultura e tempo libero.

LUCIANO VENTRONE

Nasce a Roma nel 1942 dove frequenta il liceo artistico e, dopo il diploma conseguito nel 1964, si iscrive alla facoltà di architettura che frequenterà sino al 1968, anno in cui decide di abbandonare gli studi per dedicarsi interamente alla pittura.

Il percorso della sua pratica artistica, lungo quasi sessant’anni di attività, parte dagli esordi con le sperimentazioni geometriche, passando per l’informale e l’arte programmata, fino alla sua lunga ricerca sui vari aspetti della Natura con il suo personale  “realismo-astrattismo” per il quale è diventato famoso in tutto il mondo. Come l’artista ripeteva spesso: «Lo studio della pittura non è la mera rappresentazione dell’oggetto ma è colore e luce: i giusti rapporti fra le due cose danno la forma nello spazio. Il soggetto non va visto come tale, ma astrattamente». È questa sua ricerca dell’invisibile che ha destato nei decenni l’attenzione di critici e storici dell’arte, da Federico Zeri a Giorgio Soavi, Roberto Tassi, Achille Bonito Oliva, Vittorio Sgarbi, Marco Di Capua, Antonello Trombadori, Edward Lucie-Smith, Angelo Crespi, Beatrice Buscaroli, Evgenia Petrova, Victoria Noel-Johnson.

Luciano Ventrone si è spento nella sua Collelongo (AQ) il 16 aprile 2021.

Il 16 giugno 2021 è stata costituita la Fondazione Luciano Ventrone e Miranda Gibilisco ETS per promuovere, sostenere e diffondere la conoscenza, lo studio e l’opera dell’ingegno di Luciano Ventrone. Tra le prime iniziative svolte dalla Fondazione, vedrà la luce nel mese di gennaio 2023 il Catalogo generale ragionato delle operedell’artista riconosciute autentiche, che sarà edito da SKIRA e avrà distribuzione internazionale.

 ATTIVITÀ E COLLABORAZIONI

La Casa-Museo di Luciano Ventrone sarà ufficialmente aperta dal 1° luglio2022 su appuntamento, prenotandosi nell’apposita sezione del sito fondazionelucianoventroneemirandagibilisco.org

Il biglietto d’ingresso sarà ridotto per gli abitanti dell’Abruzzo. Le visite saranno arricchite da un servizio di mediazione culturale a cura dell’Ufficio Educazione della Fondazione Luciano Ventrone e Miranda Gibilisco ETSche rende la visita al museo un’esperienza attiva e partecipata.

Grande attenzione sarà riservata all’offerta formativa: a partire dai workshop di pittura contemporanea che saranno svolti dagli ex allievi di Luciano Ventrone.

Biglietti 

Casa-Museo Luciano Ventrone: intero € 12,00 | ridotto € 9,00

NB: per la visita alla Casa-Museo è necessaria la prenotazione su

fondazionelucianoventroneemirandagibilisco.org

SCARICA QUI LE IMMAGINI

 

image_pdfimage_print
Condividi:

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.