In rilievo, Teramo e Provincia

PROTOCOLLO D’INTESA PREFETTURA – COMUNE DI ALBA ADRIATICA per “IL CONTROLLO DI VICINATO”

 

Da oggi i cittadini di Alba Adriatica potranno collaborare con le Forze dell’ordine e la Polizia locale nel monitorare il proprio territorio e segnalare eventuali “anomalie”, ovvero comportamenti sospetti o situazioni di potenziale pericolo riscontrate in ambito comunale.

E’ quanto prevede, in sintesi, il Protocollo per “Controllo di Vicinato”, sottoscritto nel pomeriggio odierno dal Prefetto Angelo de Prisco e dal Vice Sindaco di Alba Adriatica Alessandra Ciccarelli, alla presenza dei vertici delle Forze dell’ordine.

L’ambito  è quello della sicurezza integrata – nel cui solco si inserisce anche il protocollo già stipulato con il Comune di Tortoreto – volta a rafforzare la collaborazione interistituzionale e la partecipazione civica, attraverso un modello che vede interagire Amministrazioni Statali, Istituzioni Locali, società civile e soggetti anche privati – ciascuno per la propria sfera di competenza – per il perseguimento di attività idonee a fronteggiare i fenomeni che turbano l’ordinato vivere civile e generano insicurezza collettiva.

Come definito, tra l’altro, nel documento pattizio:

– la partecipazione dei cittadini al progetto, attraverso l’adesione a specifici “Gruppi di controllo di vicinato”, è su base volontaria;

– l’attività svolta sarà di “mera osservazione” di fatti e circostanze che si verificano nella propria zona di residenza (passaggi ritenuti sospetti di auto o di persone, allarmi, rumori);

– è vietata qualsiasi iniziativa personale, ovvero qualunque forma, individuale o collettiva, di pattugliamento del territorio, nonché l’utilizzo di uniformi, emblemi, simboli e altri segni distintivi o denominazioni riconducibili, anche indirettamente, ai corpi di polizia, anche locali, alle Forze Armate, agli Organi della Protezione Civile o ad altri Corpi dello Stato, ovvero che contengano riferimenti a partiti o movimenti politici o sindacali, nonché sponsorizzazioni private.

L’attuazione dell’iniziativa – che non presuppone alcun servizio di pattugliamento delle strade cittadine, ma solo elevazione della soglia di attenzione nei pressi delle proprie abitazioni, con segnalazione dei casi anomali rilevati – è subordinata a tutta una serie di attività informative e formative che si svolgeranno, in collaborazione con le Forze di Polizia, presso il Comune di Alba Adriatica.

Teramo, 5 maggio 2021

print

Condividi:

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.