Teramo. 8 marzo Festa della donna

5 Marzo 2021 23:030 commentiViews: 7

 

Una festa segnata dai tragici numeri dei femminicidi e dai diritti negati
Il Duomo di Teramo si illuminerà per ricordare i diritti delle donne e 85 palloncini
sulla scalinata porteranno il nome delle vittime di femminicidio.

Iniziativa della CPO della Provincia e della Consulta pari opportunità del Comune di

Teramo

Foto Tania Bonnici Castelli

Il Duomo di Teramo torna a illuminarsi per la Festa della Donna ma le donne, in particolare
dopo questo ultimo anno, hanno molto poco da festeggiare: i femminicidi sono raddoppiati,
il 98% di chi ha perso il lavoro è donna (dati Istat) e anche la rappresentanza politica e
istituzionale ha subito un duro colpo come testimoniato dalle polemiche che hanno
accompagnato la formazione del Governo Draghi.
Le donne della Commissione Pari Opportunità della Provincia e quelle della Consulta per
le pari opportunità del Comune di Teramo hanno deciso di sottolineare insieme questa
ricorrenza con una presa di posizione molto lontana da toni festosi.
Domenica 7 marzo, dalle 18 alle 22, il Duomo si illumina con una rosa intenso che vira sul
rosso e sulla scalinata verranno sistemati 85 palloncini, tante sono le donne donne vittime
di violenza fra il 2020 e i primi mesi del 2021. “Su ogni palloncino il nome di una sorella
perduta – dichiara Graziella Cordone, presidente della Consulta per le pari
opportunità del Comune di Teramo nonché consigliera provinciale – i dati Istat
disegnano in maniera implacabile un forte arretramento della condizione femminile e
l’aumento delle violenze e dei femminicidi. In un contesto tanto difficile per tutti a causa
della pandemia noi dobbiamo farci carico di far rilevare questa ferita che rischia di passare
in secondo piano e che ha pesanti ripercussioni negative sulle dinamiche sociali,
relazionali, familiari e anche politiche. Le donne hanno bisogno del nostro sostegno,
devono sapere che possono contare sulle istituzioni e sulle donne delle istituzioni.”

“L’8 marzo è ancora una festa?” si chiede Tania Bonnici Castelli, presidente della CPO della Provincia: “Utilizziamo questa giornata per ricordare i diritti delle donne, quelli conquistati con sacrificio e perseveranza e continuamente messi in discussione, ma soprattutto quelli non ancora raggiunti pienamente”.

La Castelli ricorda che anche sul nostro territorio: “con gli occhi semichiusi di tutti gli Enti, non si rispetta l’equilibrio di genere nelle nomine” che dopo le polemiche per la scarsa presenza di donne nel Governo: “si è cercato di rimediare con i sottosegretari: sempre una sedia dietro gli uomini. Eppure dati alla mano le ragazze sono spesso più istruite dei loro coetanei, molto più preparate, hanno voti più alti alla maturità, sono loro a superare più degli uomini i concorsi a numero chiuso, sono una risorsa preziosa e noi abbiamo ancora bisogno che vengano imposte per legge le quote rosa. E meno male che ci sono. Ecco perché in questa giornata, come donna e come presidente della Cpo provinciale, rinnovo la promessa di dare battaglia apertamente a chiunque non rispetti il ruolo delle donne continuando a pretendere provvedimenti e leggi che ci tutelino”.

Graziella Cordone

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.<br/>Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi