Al Kursaal di Giulianova l’incontro sull’affidamento familiare

9 Settembre 2020 19:330 commentiViews: 14

“Affida il tuo cuore – Un gesto di accoglienza e solidarietà per un bambino
in difficoltà”

Venerdì’ 11 settembre, alle ore 18.00 al Palazzo Kursaal di Giulianova, si
terrà l’ incontro “Affida il tuo cuore – Un gesto concreto di accoglienza
e solidarietà per un bambino in difficoltà”, organizzato dall’Unione dei
Comuni “Le Terre del Sole”.

“Tema dell’appuntamento è l’affidamento familiare – dichiara l’Assessore
alle Politiche Sociali e Politiche dell’infanzia e Diritti dei bambini
Lidia Albani – un aiuto concreto che viene offerto al minore la cui
famiglia vive in una situazione di difficoltà, e prevede l’accoglienza
temporanea di un bambino o di un ragazzo per il tempo necessario affinché
la sua famiglia possa risolvere i propri problemi. Ogni minore deve avere
la possibilità di vivere in un nucleo familiare accogliente, che possa
garantirgli una crescita equilibrata e guidarlo verso l’età adulta.
Fondamentale è il diritto di ogni bambino di essere educato nella propria
famiglia o in alternativa, quando questa non sia in grado temporaneamente
di assolvere tale funzione, in un’altra che ne assicuri il mantenimento e
lo sviluppo in serenità ”.

Nel corso dell’incontro verranno fornite alle famiglie tutte le
informazioni riguardanti il tema dell’Affidamento Familiare:
cos’è, come funziona e quali sono i requisiti per poter partecipare.

Interverranno il Presidente dell’Unione dei Comuni e Sindaco di Giulianova
Jwan Costantini, la Vice Sindaco ed Assessore alle Politiche Sociali Lidia
Albani, l’Avvocato Cristina Marcone, Mediatrice familiare e Presidente
della Cooperativa “L’Elefante” e la dottoressa Mariangela Passamonti,
Assistente sociale della Cooperativa “L’Elefante”.

Modera l’incontro la psicoterapeuta Italia Calabrese.

Nel corso della serata ci saranno testimonianze dirette di esperienze di
affido.

Ospite d’eccezione sarà il cantautore Niccolò Agliardi, autore del
libro: “Per un pò – storia di un amore possibile”, che racconta
l’esperienza di un padre affidatario.

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.<br/>Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi