Teramo. Di Bonaventura chede al Ministro dell’Interno di rinviare il pensionamento del prefetto Patrizi.

29 Aprile 2020 15:450 commentiViews: 5

“Un avvicendamento della massima autorità dello Stato in piena pandemia e con la fase 2 ancora da avviare può rappresentare un ulteriore criticità per questo territorio”

Teramo 29 aprile 2020. Con una nota indirizzata al Ministro dell’Interno, Luciana Lamorgiese, il presidente Di Bonaventura chiede di rimandare il pensionamento del prefetto Graziella Patrizi alla quale riconosce “notevoli doti umane e professionali”.

Diego Di Bonaventura

 Abbiamo avuto modo di apprezzare il rigore e l’efficienza di questo funzionario dello Stato che non ha mancato di mostrare con sensibilità la sua vicinanza a noi amministratori e alla comunità in momenti molto difficili – scrive Diego Di Bonaventura – Questo territorio è fortemente provato da una serie di eventi che fino alla pandemia avremmo definito eccezionali ma che oggi, rispetto a quello che sta accadendo, sappiamo che sono state pallide prove generali di situazioni drammatiche. … Sono preoccupato perchè l’avvicendamento in una funzione tanto delicata e in piena pandemia, con la Fase 2 che ancora non parte, può rappresentare un’ulteriore criticità da affrontare. E forse non ce lo possiamo permettere. Comprendo che siamo di fronte ad automatismi amministrativi ma forse ci sono i margini, certamente ragioni concrete, per rinviare questo pensionamento ad un momento migliore, procastinadolo di qualche mese per consentire un avvicendamento che avvenga senza lasciare questo territorio, nemmeno per un giorno, privo della massima espressione dello Stato”.

 

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.<br/>Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi