Teramo. Teramo Nostra ricorda Ennio Guarnieri

9 luglio 2019 20:140 commentiViews: 4

L’autore della fotografia cinematografica è morto lo scorso 1° luglio a 88 anni

Teramo Nostra ricorda Ennio Guarnieri

maestro della luce di Zeffirelli, De Sica e Bolognini

Nel 2003 a Teramo ricevette l’Esposimetro d’Oro alla Carriera

 

 

“Negli anni Cinquanta e Sessanta, insieme al suo amico Gianni Di Venanzo, fu tra gli innovatori della fotografia cinematografica. Teramo Nostra lo ricorda con grande affetto – dice Piero Chiarini, Presidente dell’associazione culturale teramana – e ricorda la sua soddisfazione nel ricevere, nell’edizione 2003 della manifestazione, l’Esposimetro d’Oro alla Carriera nel Premio intitolato proprio a Di Venanzo”.

Ennio Guarnieri è morto a 89 anni lo scorso 1° luglio a Licata. Nato a Roma il 12 ottobre 1930, è stato un vero e proprio maestro nell’illuminare in maniera mirabile film d’epoca dalle tonalità sommesse e intimiste. Come scrive Stefano Masi, presidente della giuria del Premio Di Venanzo, nel suo “Dizionario mondiale dei direttori della fotografia”: “Guarnieri ha dimostrato di essere uno dei più versatili e raffinati artigiani del colore del cinema italiano, legando il proprio nome a quello di cineasti dal taglio estetizzante come Mauro Bolognini e Franco Zeffirelli. Per le immagini di due capolavori zeffirelliani, “Fratello sole, sorella luna” (1972) e “La traviata” (1982), ha ottenuto altrettanti Nastri d’Argento…è stato anche candidato al Bafta Award per la fotografia di “Il giardino dei Finzi Contini” (1970) di Vittorio De Sica (premio Oscar 1972 per il miglior film straniero), regista con il quale collaborò in molte occasioni nel corso degli anni Settanta”.

 

Intanto si ricorda che i componenti della giuria hanno già individuato i nomi dei candidati all’Esposimetro d’Oro per le quattro storiche categorie del Premio Di Venanzo. Poi, da un’ulteriore riunione, verranno fuori i quattro nomi vincitori. Questi i candidati:

Categoria Memoria: Franco Delli Colli, Marcello Gatti e Luigi Kuveiller

Categoria Carriera (quattro nomi): il direttore della fotografia italiano Fabio Cianchetti, lo statunitense John Bailey, l’autore iraniano naturalizzato francese Darius Khondji e il polacco Slavomir Idziak.

Categoria Fotografia Straniera: Vladislav Opelyants (Russia) per il film Summer diretto da Kirill Serebrennikov; Benoit Delhomme (Belgio) per Van Gogh – Sulla soglia dell’eternità diretto da Julian Schnabel; Nadim Karlsen (Danimarca) per Border – Creature di confine diretto da Ali Abbasi;

Categoria Fotografia Italiana: Gianni Fiore Coltellacci per il film Cyrano mon amour diretto da Alexis Michalik; Nicolaj Bruel per il film Dogman di Matteo Garrone; Daria D’Antonio per il film Ricordi? diretto da Valerio Mieli.

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi