Bellante. L’Ass.ne culturale Nuove Sintesi invita alla presentazione del libro “IL PATTO TRADITO. Strage di Bologna, una storia da riscrivere?”, edito da Chiaredizioni.

29 maggio 2019 11:020 commentiViews: 15

 

L’Ass.ne culturale Nuove Sintesi invita alla presentazione del libro “IL PATTO TRADITO. Strage di Bologna, una storia da riscrivere?”, edito da Chiaredizioni.

Interventi:
– Marino Valentini (autore del libro, saggista)
– Arturo Bernava (editore Chiaredizioni)

Introduce:

– Marco Torri

SABATO 1 GIUGNO 2019, ORE 17.30, presso la SALA EX ASILO (adiacenze Chiesa madre) in PIAZZA ARENGO – BELLANTE paese (TE).

Nota dell’autore:
*18 dicembre 1979. A Chieti si apre il processo a Daniele Pifano, Giorgio Baumgartner, Luciano Nieri, Nabil Kaddoura e Abu Anzeh Saleh, implicati nella vicenda dei missili di Ortona. 2 agosto 1980 un ordigno contenuto in una valigia abbandonata viene fatto esplodere nella sala d’aspetto della stazione ferroviaria di Bologna, causando 85 morti e più di 200 feriti. Si tratta di due fatti all’apparenza slegati, ma è davvero così? Alcuni elementi sembrano evidenziare un inquietante nesso di causa-effetto.
E se fosse stato proprio l’esito del processo a innescare la strage? A partire da questo interrogativo, Marino Valentini, riapre una pagina scottante della recente storia d’Italia; ripercorrendo gli anni di Piombo, l’attività stragista e gli attentati che li hanno segnati – dalla strage di Bologna a quella di Ustica, di piazza Fontana e piazza della Loggia, passando per il sequestro Moro – rimesta nei più torbidi Segreti di Stato alla ricerca di una verità che non ci è mai stata svelata.

*INGRESSO LIBERO

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi