Giulianova. Sabato 9 marzo Musica e arte in Sala Trevisan Piccola Opera Charitas con WILLIAM GRECO e LUCIO MONACO

4 marzo 2019 20:510 commentiViews: 51

Sabato 9 marzo, alle ore 18.00, presso la Piccola Opera Charitas di Giulianova, avrà luogo l’ultimo concerto della XVI edizione di Musica e Arte alla Sala Trevisan. La manifestazione che, da tradizione, ha avuto inizio il 16 dicembre, anniversario della nascita del fondatore della Piccola Opera Charitas, padre Serafino Colangeli, si avvale, come preziosa cornice, della mostra dell’artista moscianese Lucio Monaco, autore di una pittura ispirata ai décollages di Mimmo Rotella.

Dopo l’entusiasmante concerto del Medit Voices, dopo l’ascolto di celeberrime musiche rossiniane interpretate da Valentina Paolini, Nunzio Fazzini e Roberto Rupo e dopo la magistrale esibizione del direttore artistico Piero Di Egidio, la serata conclusiva sarà affidata al giovane ma già affermato pianista William Greco (classe 1987) che grazie alla sua versatilità, spazierà in modo sorprendente dalla musica classica a quella contemporanea. William Greco vanta numerosissimi premi, riconoscimenti e importanti collaborazioni come quella del 2017 per il progetto discografico di Paolo Fresu, prodotto dalla TǔK Music, Lumina. L’ultima sua vittoria è stata quella  del bando Air promosso da Midi (Musicisti italiani di Jazz) per una residenza artistica presso l’Istituto Italiano di cultura di Vienna.


WILLIAM GRECO

CURRICULUM

 

Diplomato e laureato in pianoforte con il massimo dei voti, lode e menzione speciale sotto la guida dei Maestri Benedetto Lupo e Roberto Bollea presso il Conservatorio di Musica “Nino Rota” di Monopoli.

Attualmente studia e si perfeziona presso L’Accademia Musicale Pescarese con il                            M° Pasquale Iannone.

Ha ottenuto premi e menzioni in concorsi pianistici nazionali ed internazionali.

E’ vincitore del Premio Interpretazione Pianistica “Francesco Moscato” all’interno del concorso internazionale di esecuzione musicale “Città di Airola” (Maggio 2018).

Vince il primo premio assoluto al concorso pianistico nazionale “Città di Bucchianico” 2014; primo premio assoluto al concorso pianistico nazionale “Città di San Giovanni Teatino” 2009; primo premio al concorso internazionale di musica “Magnificat Lupiae” 2010; secondo premio al concorso pianistico internazionale “Città di Rocchetta” 2014; terzo premio al “Premio Sergio Cafaro” 2011; finalista e vincitore della Menzione speciale al “Premio Nazionale delle Arti” 2013.

Nel 2012 ottiene il quinto premio al “Premio Venezia”.

Nel 2010 esegue in diretta radiofonica una selezione degli studi op. 33 di S. Rachmaninov presso la Radio Vaticana.

Nella sua ricerca pianistica ha seguito corsi di perfezionamento e masterclass con i maestri: Pasquale Iannone, B. Lupo, A. Jasinski, P. Bordoni, S. Perticaroli, F. Bidini, O. Martin, M. Marvulli, M. Lioy.

Ha tenuto concerti in Italia e all’estero per importanti stagioni concertistiche e si è esibito spesso in concerti per pianoforte e orchestra; recentemente ha eseguito il quinto concerto di Beethoven con l’Orchestra Sinfonica della Provincia di Bari, il primo concerto di Brahms con l’Orchestra dell’Accademia Musicale Pescarese ed il Concerto in Fa di Gershwin con l’Orchestra Tito Schipa di Lecce.

Nel Marzo 2016 è stato l’artista italiano residente all’Iic (Istituto Italiano di Cultura) di Parigi.

Nell’Ottobre 2016 ha tenuto un concerto a Venezia commissionato dalla Biennale Musica.

Contemporaneamente alla carriera classica, coltiva la passione per il jazz, sia attraverso un severo percorso accademico, che attraverso concerti e prestigiosi riconoscimenti.

Già premiato dal Berklee College of Music di Boston per le sue straordinarie capacità musicali, si consacra ufficialmente con il 1° Premio, Premio del pubblico e il Premio Libertà alla VII edizione del concorso nazionale “Chicco Bettinardi” di Piacenza.

Ha partecipato a corsi di perfezionamento e masterclass, tra cui Umbria jazz e Siena Jazz.

Nell’Ottobre 2015 ha pubblicato “Corale”, primo lavoro discografico a suo nome in cui il pianista salentino ha cercato di modellare un percorso frutto della sintesi naturale di tutte le sue esperienze: dalla classica al jazz.

Il 18 Ottobre 2017 è la volta di “Lumina”, nuovo lavoro discografico prodotto dalla TǔK Music. Nato da un’idea di Paolo Fresu, il disco contiene dieci brani in cui la parola luce si declina in dieci lingue diverse e in altrettante composizioni originali.

Tra i vincitori del bando Air promosso da Midj (Musicisti italiani di jazz), è stato il musicista italiano in residenza artistica presso l’Istituto Italiano di Cultura di Vienna nei mesi di Giugno e Luglio 2018.

 

 

 

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi