L’Aquila. La 18° edizione del Premio L’Aquila Zire’ d’oro 2018 alla collega Selene Pascasi

1 dicembre 2018 15:140 commentiViews: 55

Reduce dal Primo Posto all’Internazionale Merini 2018, Selene Pascasi (avvocato, giornalista e firma de Il Sole 24 Ore) vince – sezione poesia in lingua – la 18esima edizione del Premio L’Aquila Zire’ d’oro 2018 la cui giuria ha così motivato «Tra le voci più limpide della nostra poesia, Selene Pascasi, ha la capacità di universalizzare tematiche personali, piegando sentimenti e suoni alle urgenze dell’anima…. sono versi esistenziali di rara efficacia, di insondabile profondità ma anche di soave leggiadria». Durante l’evento tenutosi ieri all’Auditorium Sericchi sono stati consegnati

Ritiro del Premio per Selene Pascasi

riconoscimenti ad eccellenze nazionali del giornalismo, dell’imprenditoria e del volontariato e per la letteratura: per la poesia a Iole Chessa Olivares ex aequo con Pascasi, seconde e terze Vittoria Tomassoni e Vera Barbonetti. Per la narrativa italiana Carlo Maria Marchi e Giustino Parisse, per la dialettale Alberto Calavalle. Per la poesia d’amore Maria Buongiorno ed Eugenia Tabellione; per la dialettale: Ireneo Recchia e Antonio Frattale.

Avv. Selene Pascasi
Avv. Selene Pascasi

Un altro prestigioso premio quindi per la professionista aquilana, finalista al De André, premio giuria al Bukowski ‘18, 2° a Ju Zirè d’oro ‘17, 4° al Bukowski ‘17, 2° al San Valentino ‘17, targa al Nazionale Artisti per Peppino Impastato, 2° al Merini ‘16, 4° al Polverini ‘15 e 3° al Bukowski ‘13. Ma la Pascasi, critico musicale del Premio Lunezia e paroliere – autrice di Con tre quarti di cuore, In attesa di me, di un volume per la Giappichelli, di un corto cinematografico per la regia di Alessandrini – ha conquistato la critica di settore col suo romanzo Dimmi che esisto (Ed. La Gru in vendita esclusiva a L’Aquila da Maccarrone libri ed Edicola La Villa) dedicato alla resilienza femminile. Si, perché dalle ceneri di un abuso, ha dichiarato l’artista aquilana ai microfoni di Radio Uno Rai ospite assieme a Dacia Maraini per parlare di violenza , si può e si deve rinascere come ha fatto Giulia, la protagonista di una storia che sta commuovendo già tantissimi lettori.

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi