USA. Un 22 aprile indimenticabile

2 giugno 2018 10:400 commentiViews: 14

Di Benny Manocchia

L’ultima fatica editoriale di Benny Manocchia, Cronache Americane

Non dimenticherò’ mai i giorni della Festa dello Splendore. Erano momenti duri,durante la guerra,con i nazisti in casa che si comportavano da padroni Ma noi ragazzi si pensava ad altro,dal mattino in chiesa e poi a colazione ( quando ci invitavano)coi frati francescani e poi a calciare un;po’ il pallone. Sara’ perche’ da giovani tutti i giorni sono pieni di sole,di musica,di fiori. Ma la musica era vera:almeno due volte al giorno,camminando su e giu’ con la banda;( vorrei ricordare i

nomi delle tante  che abbiamo visto) e poi a sera ascoltando le opere ,le classiche opere italiane (con il signor Giovanni prigitt che fischiava il motivo in maniera perfetta. Una volta,,confesso, io e un mio caro amico entrammo nel monastero dei frati,quello attaccato alla chiesa della Madonna dello Splendore e…be’,era di prima mattina e scorgemmo i tini dei frati pieni colmi di vini eccezionail.Ne assaggiammo… un po’ e a casa si accorsero che ero un po’,come si dice,

brillo e…potete immaginare.
Qaunti piccoli ricordi stupendi.Che  cosa darei  per poterli rivivere oggi,nella mia giglie!
print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi