Teramo. La pelletteria teramana torna “di moda”

18 Febbraio 2018 08:230 commentiViews: 16

 

 

L’associazione Casartigiani Teramo annuncia con soddisfazione che sono 1.317 le aziende per la fabbricazione e la confezione di articoli in pelle che attualmente operano in provincia. Un numero che tende a salire e che si lascia la crisi alle spalle

 

Casartigiani Teramo

La provincia di Teramo è in grande ripresa nel settore della pelletteria e la Val Vibrata torna ad essere punto di riferimento della moda internazionale. Per la fabbricazione e la confezione di articoli in pelle, oggi operano nel Teramano ben 1.317 imprese, solo qualcuna in meno delle 1.354 attive nel 2012, anno d’inizio della fortissima crisi che colpì il settore e che nel giro di un biennio ne dimezzò il numero.

 

Si torna ai livelli pre-crisi non solo grazie allo sforzo di grandi e piccole aziende , che costituiscono il 57% del comparto, ma anche grazie all’eccellenza di 566 realtà artigiane, che rappresentano il 43% del totale.

 

L’indagine è stata condotta dall’Associazione Casartigiani Teramo, che ha svolto uno studio approfondito sui dati forniti da Unioncamere e Istat per verificare i possibili riflessi economici e occupazionali  derivanti dal fenomeno della ripresa della pelletteria italiana sul territorio locale.

I risultati sono molto incoraggianti.

 

Oggi, in provincia di Teramo, gli addetti complessivi alla pelletteria sono ben 6.425 e i comuni con il più alto numero di aziende risultano essere: Sant’Egidio alla Vibrata (137), Alba Adriatica (123), Corropoli (105), Martinsicuro (82), Campli (80), Sant’Omero (79) e Tortoreto (78).
La capacità qualitativa degli artigiani teramani torna ad essere apprezzata anche dai mercati internazionali. Nel 2017, l‘export della pelletteria  in provincia di Teramo è  infatti aumentato sensibilmente rispetto all’anno precedente e, secondo le prime stime, si attesta intorno a 170 milioni di euro rispetto ai 115 milioni del 2016. 

 

Casartigiani Teramo ha espresso la propria soddisfazione per i segnali di ripresa dell’economia locale, e in particolare dell’artigianato teramano, anche durante un recente incontro tra Federazioni Artigiane e il vice Presidente della Regione, Giovanni Lolli.

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi