New York. Le Ferrari sono il “nostro” Made in Italy

11 settembre 2017 19:190 commentiViews: 30

New York. Non meravigliatevi se domenica 17 settembre vedrete, a Tortoreto Alto, un gruppo di signori americani vestiti alla cowboy. Saranno nella storica cittadina abruzzese perché’ un piccione viaggiatore ha informato gli  appassionati  texani del cavallino rampante che domenica,appunto,ci sara’ il primo raduno Ferrari. Un raduno organizzato nei minimi particolari da un bel gruppo di lavoro capitanati da Gabriele Barcaroli, main sponsor dell’evento. Signori,non scherziamo.Si tratta di gente che andrebbe sulla luna. per assistere a un avvenimento del genere.

Benny Manocchia giornalista e Sammy Davis Jr. (Harlem, 8 dicembre 1925 – Beverly Hills, 16 maggio 1990) è stato un ballerino, cantante, vibrafonista, batterista, attore e comico statunitense.

______________________________________________

Un amore profondo. Le 1750 Ferrari vendute l’anno scorso  negli Stati Uniti (il 20 per cento piu’ dell’anno precedente) sono state acquistate’ in gran  parte da signori e signore del Texas. Quando parlano della “Fewawi” (pronunciano cosi’) si ferma tutto. . Tengono le auto rosse in speciali locali praticamenge blindati. Mostrano i loro gioielli,ad amici fidati dopo averli pregati di ”non toccare please”. Qualche volta fanno  gare per vedere chi possiede ll miglior gruppo di foto delle loro amate (e costose) creature. A Tortoreto incontreranno probabilmente,i fans cinesi della nota auto,visto che l’anno  scorso la Ferrari ne  vendette 300 in quella parte del mondo,raggiungendo  cosi’ il numero totale  di 999 Ferrari a partire dal 2004. Sergio Marchionne(teatino),chief executive  officer della ditta di Maranello, ha detto tempo fa:”La Ferrari rappresenta il valore dell’Italia”. E chi può’ dargli torto? L’altro americano, Donald Trump, ama  la Ferrari ma , per molti anni, non potra’ guidare… Si prende una piccola rivincita, parlando della “mania”  di Sergio di  indossare (estate e inverno) il solito maglioncino nero a girocollo.

Allora, arrivederci a Tortoreto Alto.
Benny Manocchia
print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi