La scoperta e la storia dell’elettricità e la vendita online di materiale elettrico

12 Giugno 2017 21:460 commentiViews: 56

 

 

 

L’essere umano è meraviglioso, grazie all’attenta osservazione dei fatti del mondo è riuscito a concepire metodi per inglobare quelle osservazioni nella vita quotidiana. Per noi Europei, l’elettricità è qualcosa di esistente, tutti in casa possiamo accendere la luce, il computer e refrigerare la stanza se è estate.

Ma queste possibilità millenni fa non esistevano ed è stato grazie all’ingegno di migliaia di uomini, nel corso della storia, il miglioramento dello stile di vita della nostra società.

Primo fra tutti Talete di Mileto VI° secolo a.C. osservò in astrazione l’ambra e concepì che questa possedeva la capacità di attrarre corpi leggeri se strofinata con un panno di lana. Siamo ovviamente in Grecia, la terra che ci ha dato maggiori conoscenze sulla natura e sullo stesso essere umano.

Dopo questa osservazione, servirono tre secoli per aver gli scritti di un altro grande personaggio: Teofrasto di Ereso che considerò anche altri materiali diversi dall’ambra e realizzò che anche questi possedevano la stessa proprietà dell’ambra (chiamata in greco “Èlektron” e da qui nasce anche il nome dell’elettricità).

Certo, ancora si era distanti dall’invenzione della lampadina ma possiamo notare come l’impegno, non solo della fantasia ma delle conoscenze, abbiano portato l’uomo tramite l’osservazione della natura a realizzare una delle invenzioni più importanti per la storia dell’umanità.

Osservare la natura significava infatti scoprire i misteri che la rendevano così genuina e brutale nel medesimo tempo. Interessante notare come a Roma Lucio Anneo Seneca riuscì a distinguere tre caratteristiche del fulmine: “Il fulmine che incendia, quello che distrugge e quello che non distrugge”.

Solo nell’VIII° secolo d.C si concepì che due materiali diversi si attraggono, ad esempio il vetro e l’ambra, tramite due differenti gradi di elettrizzazione e con un salto temporale notevole, nel 1700, con Pieter van Musschenbroek si ebbe il primo apparecchio che accumulava energia elettrica, chiamato in onore della città che diede i natali allo stesso inventore la “Bottiglia di Leida”.

Benjamin Franklin, Alessandro Volta, Luigi Galvani, Charles-Augustine de Coulomb, Michael Faraday, Hans Cristians Oersted, Georg Simon Ohm, Joseph Henry, Charles Wheatstone, Henrich Daniel Ruhmkorff, Werner von Siemens, James Clerk Maxwell, Innocenzo Manzetti (inventore del telefono), Antonio Pacinotti sono solo alcuni dei nomi di illustre menti che contribuirono pian piano a studiare l’elettricità ed il modo in cui potesse essere impiegata nella società per garantire all’uomo progresso verso il benessere.

Due grandi geni del 1800 furono Nikola Tesla e Guglielmo Marconi: il primo costruì il primo motore elettrico ad induzione a corrente alternata, ed il secondo, che ebbe maggiore fortuna, prese il merito di aver inventato la radio grazie ai suoi esperimenti sulle onde elettromagnetiche e la trasmissione dei segnali nell’etere.

Tutte queste osservazioni e scoperte ci hanno portato oggi ad accendere facilmente il nostro computer ed a non pensare alla fatica di intelletto che l’essere umano ha mostrato in questi millenni. È molto importante invece conoscere i passi di evoluzione per sentirci maggiormente umani e dunque anche divini, nell’accezione di creatori dal nulla. Internet ci permette non solo di comunicare con persone a noi care che vivono lontano, ma di acquistare facilmente qualsiasi oggetto esistente al mondo, come per esempio tutta quell’oggettistica elettrica che ci garantisce il confort necessario alla vita.

Fra tutti i siti che esistono online, pochi giorni fa ho notato Dibiasi, ho curiosato fra i suoi prodotti e mi sono accorta che la vasta gamma spazia dai cavi elettrici alla diffusione sonora, dall’illuminotecnica alla messa a terra, dalla sicurezza alla videocitofonia, da strumenti più professionali alla domotica. Con pochi click sul sito, dunque, è facile acquistare qualsiasi oggetto ed ovviamente i pagamenti sono del tutto sicuri e si possono effettuare tramite American Express, Visa, Mastercard, Paypal.

Continuando a curiosare sul sito ho notato che l’azienda è presente sul mercato da oltre 25 anni con sede a Vallo della Lucania nel Salento, ma che distribuisce materiale elettrico-elettronico, civile ed industriale in tutta Italia ed in stati quali Spagna, Francia, Russia, Grecia, Egitto, USA, Brasile e Cina; e dal 2002 Dibiasi, proprio grazie al fornitissimo sito web, si è occupata di commercio di materiale elettrico a livello globale e ha stretto importanti partnership con prestigiosi marchi italiani come Bosch, Bticino, Comelit e Kalvert.

Presenti numerose offerte per questa calda estate alle porte e con scadenza 30 giugno 2017 quattro diversi condizionatori Samsung serie Quantum Maldives con validità sino al 30 giugno 2017.

Consiglio di non fermarmi alle poche informazioni che vi ho dato sulla nascita dell’energia elettrica ma di curiosare nella storia per concepirne bene l’evoluzione, e non dimenticate di cliccare su Dibiasi per qualsiasi necessità in campo elettrico-elettronico!

 

Info

https://www.dibiasi.it/materiale-elettrico-online/

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi