G7 Ambiente: 100 scienziati e 200 associazioni lanciano a Bologna il “D ECO LOGO per una società ecologica”

10 Giugno 2017 14:410 commentiViews: 20
10 punti e 78 proposte concrete per un’Italia a zero emissioni e zero veleni
È stato presentato oggi a Bologna il Decologo per una società ecologica, il manifesto di proposte redatto e promosso da un’ampia rete di rappresentanti della comunità scientifica e accademica e da circa 200 associazioni attive in tutto il paese sul fronte della tutela ambientale.
Modello energetico, produttivo e agricolo, mobilità, gestione dei rifiuti, infrastrutture e cementificazione, acqua e servizi pubblici locali, salute pubblica e modello partecipativo sono gli ambiti in cui RE.S.eT. – la Rete Scienza e Territori per una società ecologica, declina 78 proposte concrete che, implementate, farebbero dell’Italia un paese a zero emissioni e zero veleni.
Tra i 100 scienziati firmatari, il Presidente dell’Associazione Meteorologica Italiana Luca Mercalli, il gruppo di ricerca di Bologna “Energia per l’Italia”, presieduto dal chimico Vincenzo Balzani, il genetista e oncologo Antonio Giordano, direttore dello Sbarro Health Research Organization di Philadelphia, USA, lo storico dell’ambiente e merceologo Giorgio Nebbia, i medici dell’ISDE – Medici per l’Ambiente e decine di altri esponenti di spicco della comunità scientifica.

Tra i promotori sociali, sono circa 200 le associazioni aderenti. Tra esse l’associazione A Sud, la Rete della Conoscenza, il coordinamento nazionale No Triv, il Forum Italiano Movimenti per l’Acqua, la Rete dei Comuni Virtuosi, l‘Istituto RamazziniLegambienteArciFairwatch e oltre cento comitati territoriali impegnati nella difesa dei propri territori contro progetti ad alto impatto ambientale e sociale.

Il Decologo è parte delle attività promosse dalla società civile in occasione del G7 ambiente e si configura come percorso di convergenza ed alleanza tra società civile e comunità scientifica, con l’obiettivo di imporre nel dibattito pubblico e nell’agenda politica proposte concrete e qualificate per impostare una reale e serrata transizione in senso ecologico dell’economia e della società, il cui portato e la cui validità sono destinate a durare ben oltre le giornate del G7 Ambiente ai blocchi di partenza nel capoluogo emiliano.
print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.<br/>Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi