TERAMO. L’IMPEGNO DELLA POLIZIA STRADALE CONTRO LE ATTIVITÀ ILLECITE COMMESSE DALLA DITTE DI AUTOTRASPORTO I poliziotti constatano evidenti alterazioni ai cronotachigrafi

6 Dicembre 2016 17:470 commentiViews: 17

 

 

 

Ancora una volta la Polizia Stradale di Teramo è riuscita  a  “smascherare” chi voleva falsare le risultanze del cronotachigrafo manomettendolo attraverso una rudimentale calamita montata ad arte e nascosta nel bulbo del cambio, in grado di alterare illegalmente i tempi di guida e di riposo.

A seguito di due controlli nel novembre decorso, in Giulianova e Martinsicuro, sono stati “smascherati” due conducenti di altrettante ditte di autotrasporto della provincia sui cui fogli di registrazione del cronotachigrafo non veniva annotato nulla, come se i mezzi fossero in realtà fermi.

 

La finalità era quella di dimostrare, in caso di eventuali controlli, che veniva regolarmente osservato il “riposo” prescritto dalla normativa vigente che impone a tutti i conducenti di veicoli pesanti che, nell’arco delle 24 ore, sia effettuato un tempo di fermo  ininterrotto di 11 ore al giorno che può ridursi a 9 ore, per non più di 3 volte in 2 periodi comunque interrotti dal riposo settimanale.immagine-per-comunicato-stampa-del-6-dicembre-2016

 

I citati conducenti sono stati invece sorpresi dai poliziotti  a circolare mentre avrebbero dovuto completare le loro ore di previsto riposo giornaliero.

E’ stata riscontrata, infatti, la manomissione del cronotachigrafo, strumento deputato alla registrazione dei tempi di guida e di riposo che tutti i conducenti di mezzi pesanti superiori a 3,5 tonnellate sono tenuti ad attivare.

 

I cronotachigrafi erano stati alterati mediante una calamita che consentiva di falsare le registrazioni.

Ai due sono state contestate le violazioni previste dal Codice della Strada: sanzione di euro 1696,00, dieci punti di decurtazione dalla patente, sospensione della patente da 15 gg. a 3 mesi.

Altresì sono stati deferiti all’A.G. per  “rimozione od omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro”.

 

Il tachigrafo digitale  altro non è che la “scatola nera” di tutti i mezzi pesanti che trasportano merci o persone: la manomissione mette seriamente a rischio gli utenti  della strada ed è dettata solo dal guadagno illecito di aziende poco serie.

print

Tags:

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.<br/>Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi