CLAUDIO MAGRIS GIOVEDI’ 1 DICEMBRE ALL’AQUILA PER RITIRARE IL “SOCRATES PARRESIASTES” 2015 IL PREMIO A CHI HA IL CORAGGIO DI DIRE LA VERITA’

29 Novembre 2016 23:320 commentiViews: 67
L’AQUILA – Sarà premiato giovedì 1 dicembre 2016, all’Aquila, il prof. Claudio Magris, uno dei più importanti intellettuali italiani tra i più conosciuti e apprezzati all’estero, destinatario dell’edizione 2015 del “ Premio Socrates Parresiastes”, il singolare ed unico riconoscimento che viene conferito per premiare una personalità che si sia distinta nella “Parresia socratica”, appunto l’arte di dire sempre la verità con franchezza e coraggio citata, quale valore universale, anche da Papa Francesco. L’Associazione culturale “Confraternita Aquilana dei ’Devoti’ di Sant’Agnese”, ha deliberato all’unanimità la scelta, per i suoi meriti professionali e umani nel campo della Letteratura, di Claudio Magris.
La targa SOCRATES PARRESIASTES, che viene attribuita una volta ogni anno a persona dotata dei caratteri in essa indicati, recita:
Pensa la verità
ragiona con sapienza
dice il vero autorevolmente
parla con saggezza, franchezza e coraggio
agisce secondo verità
e sempre viene consegnata in una pubblica cerimonia, sotto il patrocinio del Comune dell’Aquila e il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia dell’Aquila, alla presenza delle massime autorità cittadine.
Nel 2007, la Targa fu consegnata, per la Filosofia, al prof. Remo Bodei, che insegna a Los Angeles nell’Università della California; nel 2008, per la sociologia, al presidente del Censis, prof. Giuseppe De Rita; nel 2009, per l’Economia politica, al Presidente emerito della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi; nel 2013 (dopo l’interruzione dovuta al grave sisma che ha colpito L’Aquila), per la Teologia, a mons. Bruno Forte, Arcivescovo di Chieti e teologo di fama universale; nel 2014, per lo Sport, aFabio Capello.  Ora, per il 2015, a Claudio Magris per la Letteratura.
La cerimonia di consegna della targa avverrà all’Aquila giovedì 1 dicembre alle ore 16 presso la Sala Benedetto Croce nella cornice istituzionale del Palazzo dell’Emiciclo (in via Michele Iacobucci alla Villa  Comunale), sede  del  Consiglio regionale, dove il prof. Magris terrà una prolusione. «La nostra vuol essere l’utile provocazione – spiega il prof. Tommaso Ceddia, presidente onorario dell’Associazione promotrice – di una città “ferita” nel nome di un’antichissima tradizione cittadina, la “festa strana” di Sant’Agnese (la religione non c’entra nulla) che fa dell’Aquila la “Capitale della Maldicenza” lì dove predichiamo il “dire il male” (esercizio di satira, critica mordace e libertà) e non “dire male” (pettegolezzo becero)».
L’Aquila, 28 novembre 2016

Associazione culturale “Confraternita aquilana dei ‘devoti’ di Sant’Agnese”

Sancta Agnes – Garrulorum Praesidium

 

 

 

ALBO D’ORO PREMIO SOCRATES PARRESIASTES

 

2015- Claudio Magris

2014 – Fabio Capello

2013 – Mons. Bruno Forte

2009 – Carlo Azeglio Ciampi

2008 – Giuseppe De Rita

2007 – Remo Bodei

 

 dalla-festa-strana-al-socrates invito-web perche-la-targa

 

 

Nel 2007, la Targa fu consegnata, per la Filosofia, al prof. Remo Bodei, che insegna a Los Angeles nell’Università della California; nel 2008, per la sociologia, al presidente del Censis, prof. Giuseppe De Rita; nel 2009, per l’Economia politica, al Presidente emerito della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi; nel 2013 (dopo l’interruzione dovuta al grave sisma che ha colpito L’Aquila), per la Teologia, a mons. Bruno Forte, Arcivescovo di Chieti e teologo di fama universale; nel 2014, per lo Sport, a Fabio Capello.  Ora, per il 2015, a Claudio Magris per la Letteratura.

La cerimonia di consegna della targa avverrà all’Aquila giovedì 1 dicembre alle ore 16 presso la Sala Benedetto Croce nella cornice istituzionale del Palazzo dell’Emiciclo (in via Michele Iacobucci alla Villa  Comunale) sede  del  Consiglio regionale, dove il prof. Magris terrà una prolusione.

«La nostra vuol essere l’utile provocazione- spiega il prof. Tommaso Ceddia, presidente onorario dell’Associazione promotrice- di una città “ferita” nel nome di un’antichissima tradizione cittadina, la “festa strana” di Sant’Agnese (la religione non c’entra nulla) che fa dell’Aquila la “Capitale della Maldicenza” lì dove predichiamo il “dire il male” (esercizio di satira, critica mordace e libertà) e non “dire male” (pettegolezzo becero)».

L’Aquila, 28 novembre 2016

 

L’Ufficio Stampa

 

 

Info sul sito ufficiale www.maldicenza.it

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.<br/>Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi