Tosse: 1 italiano su 2 ha 2 episodi di tosse l’anno, 1/5 colpito dalle 3 alle 5 volte. Per il 30% dura più di un mese

15 Gennaio 2016 20:350 commentiViews: 14

Giovedì 14 gennaio 2016

 Si apre oggi a Verona la XIX edizione del Congresso Nazionale sulle Malattie Respiratorie: oltre 300 gli specialisti presenti, provenienti da tutta Italia.

 Tosse: 1 italiano su 2 ha 2 episodi di tosse l’anno, 1/5 colpito dalle 3 alle 5 volte. Per il 30% dura più di un mese

Oggi le armi terapeutiche sono molte ed efficaci: l’importante è il riconoscimento precoce di tali malattie e la tempestività dell’intervento” – spiega il promotore Prof. Dal Negro

 

Circa il 50% degli italiani afferma che la tosse è una malattia e non soltanto un sintomo. E quando sopraggiunge, un terzo degli intervistati si rivolge al medico nei primi 3 giorni: la maggioranza sceglie di “curarsi” con rimedi domestici, mentre solo uno su cinque si rivolge al farmacista.

 

IL CONGRESSO – Si parla di tosse in apertura della diciannovesima edizione del Congresso Nazionale sulle Malattie Respiratorie “Asma Bronchiale e BPCO: nuovi obiettivi, nuovi rimedi, nuove strategie”, presso il Centro Congressi Hotel Leopardi di Verona, con più di 300 specialisti provenienti da tutta Italia. Il Congresso dimostra una lunga tradizione e si conferma come evento centrale nello studio scientifico dell’asma e della broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e dei fattori relativi – spiega il Prof. Roberto Dal Negro, Referente Scientifico e Fondatore del Centro Nazionale Studi di Farmacoeconomia e Farmacoepidemiologia Respiratoria con sede a Verona –  In questi anni sono stati sviluppati tutti gli aspetti delle malattie, aggiornando man mano i risultati della ricerca e migliorandone la comprensione. Anche quest’anno focus sulla farmacoeconomia, di cui parlammo per la prima volta nel 1991, con tutti gli sviluppi e tutti i costi di gestione”.

 

MOTIVI DI PREOCCUPAZIONE – Circa il 50% degli italiani afferma che la tosse è una malattia e non soltanto un sintomo. E quando sopraggiunge, un terzo degli intervistati si rivolge al medico nei primi 3 giorni: la maggioranza sceglie di “curarsi” con rimedi domestici, mentre solo uno su cinque si rivolge dal farmacista. Dopo una settimana di tosse persistente, metà del campione interpellato inizia a preoccuparsi, mentre si preoccupa “moltissimo” se la tosse dura due settimane. “Durante questa fase – spiega il Prof. Roberto Dal Negro – il 61% degli italiani pensa che questa sia la spia di una diversa malattia. A destare la maggiore preoccupazione è la paura che la tosse nasconda un male incurabile. La paura aumenta, anzi raddoppia, quando la tosse persiste (e quindi raggiunge le 3 settimane) nei bambini”.

 

LA CURA PER LA TOSSE –“La tosse persistente non è sinonimo di antibiotico – prosegue Dal Negro-solo uno su quattro ritiene che sia quest’ultimo il farmaco giusto. La sedazione della tosse è ricercata dal 70% degli italiani, che sono convinti che non sia il cortisone a curare la tosse, e la stessa percentuale è convinta che un’attività aerosolica, qualunque essa sia, possa dare benefici. Quando si decide di rivolgersi ad una figura specializzata, il 70% degli italiani va prima dal medico di base e poi si rivolge dal pneumologo”.

 

COSTI E FREQUENZE – Il 50% degli italiani è disposto a vendere fino a 20 euro, di tasca propria, per qualcosa che plachi i sintomi, mentre un 15% spenderebbe ben di più per avere un farmaco efficace. Infine il 53% degli italiani ha due episodi di tosse all’anno, mentre c’è un 20% che viene colpito dalle 3 alle 5 volte. La maggioranza di questi episodi dura meno di 10 giorni, ma c’è anche un 30% che dura più di un mese.

print

Tags:

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.<br/>Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi