1

SANT’EGIDIO ALLA VIBRATA – ARRESTATO LATITANTE ALBANESE DAL LUGLIO 2015 DEVE SCONTARE IN PATRIA UNA CONDANNA A DUE ANNI

 

 

IN QUESTO INIZIO ANNO, CONTINUANO I MIRATI SERVIZI DI CONTROLLO DEL TERRITORIO DISPOSTI DAL COMANDANTE DELLA COMPAGNIA CARABINIERI ALBA ADRIATICA, DIRETTA DAL MAGGIORE EMANUELE MAZZOTTA PER CONTRASTARE LA CRIMINALITÀ.

 

NELLA CIRCOSTANZA, QUESTA MATTINA ALL’ALBA, I CARABINIERI DELLA STAZIONE DI SANT’EGIDIO ALLA VIBRATA, GUIDATI DAL LGT.MARIO DE NICOLA, A CONCLUSIONE DI MIRATI SERVIZI DI OSSERVAZIONE, CONTROLLO E PEDINAMENTO INIZIATI DA ALCUNI GIORNI, HANNO RINTRACCIATO ED ESEGUITO UN ARRESTO PROVVISORIO – SU RICHIESTA DELLA CORTE DI APPELLO DI DURAZZO (ALB), EMESSO IL 9 LUGLIO 2015 – A CARICO Di un uomo , NATO A SHQIPTARE (ALB), IVI RESIDENTE, SENZA FISSA DIMORA IN ITALIA, CELIBE, NULLAFACENTE, GIÀ RICONOSCIUTO RESPONSABILE DEL REATO DI LESIONI PERSONALI GRAVI IN CONCORSO.

IL GIOVANE DJ, IN UNA DISCOTECA DI DURAZZO, QUASI DUE ANNI FA, PRECISAMENTE IL 15 GENNAIO 2013, UNITAMENTE AD UN CONNAZIONALE, IN SEGUITO AD UNA LITE PER FUTILI MOTIVI, AGGREDIVANO ALTRE PERSONE CON MAZZE DA BASEBALL FERENDONE GRAVEMENTE UNA. l’uomo PER TALE MOTIVO È STATO RICONOSCIUTO COLPEVOLE E CONDANNATO ALLA PENA DETENTIVA DI ANNI 2(DUE) DI RECLUSIONE E DAL LUGLIO 2015 SI ERA RESO LATITANTE.

NELLA CIRCOSTANZA, È STATO IDENTIFICATO E SEGNALATO IN STATO DI LIBERTÀ IL CONNAZIONALE – CON IL QUALE CONDIVIDEVA UNA STANZA PRESSO UN ALBERGO DELLA VAL VIBRATA –, NATO IN ALBANIA IL 14 LUGLIO 1985, IVI RESIDENTE, SENZA FISSA DIMORA IN ITALIA, NULLAFACENTE, RESPONSABILE DELLA VIOLAZIONE DEL PROVVEDIMENTO DI ESPULSIONE, GIÀ NOTO AI CARABINIERI DI SANT’EGIDIO ALLA VIBRATA CHE LA SERA DEL 24 OTTOBRE 2015 LO AVEVANO BLOCCATO MENTRE ERA INTENTO A SPACCIARE COCAINAALL’INTERNO DI UN ESERCIZIO PUBBLICO ATTIVITA’ COMMERCIALE PER ALTRO DESTINATARIA DEL PROVVEDIMENTO DI CHIUSURA EMESSO DAL QUESTORE SU CONFORME RICHIESTA DEI CARABINIERI DEI SANT’EGIDIO ALLA VIBRATA. IN QUELL’OCCASIONE ERA STATO MUNITO DI PROVVEDIMENTO DEL QUESTORE A LASCIARE IL TERRITORIO NAZIONALE, MA INVANO. LO STESSO È STATO NUOVAMENTE ACCOMPAGNATO PRESSO LA QUESTURA – UFFICIO IMMIGRAZIONE – DI TERAMO PER LA CONSEGUENTE ESPULSIONE.

L’ARRESTATO, ESPLETATE LE FORMALITÀ DI RITO, È STATO TRADOTTA PRESSO LA CASA CIRCONDARIALE DI TERAMO A DISPOSIZIONE DELLA CORTE D’APPELLO DE L’AQUILA, INFORMATA DAI CARABINIERI DELLA STAZIONE DI SANT’EGIDIO ALLA VIBRATA CHE PROCEDONO.