USA. Il tradizionale appuntamento americano con il tacchino

15 novembre 2015 20:000 commentiViews: 53

Tra pochi giorni,il 26 di questo mese,negli Stati Uniti ricorre il Thanksgiving Day,ossia la giornata del ringraziamento.Si rifa’ all’epoca dei pilgrims,dei pellegrini inglesi che sbarcarono a Plymouth,nello Stato del Massachusetts,dopo che Cristoforo Colombo aveva scoperto questa terra.Erano momenti brutti per quelle

poche centinaia di inglesi arrivati qui, dopo un viaggio che aveva visto tante persone morire di fame e di sete. I nativi,che Colombo chiamo’ indiani perche’ credeva di essere arrivato alle indie (parliamo del 1492),si erano accorti dei problemi che stavano distruggendo i bianchi.Cosi’ decisero di aiutarli.Lo fecero mostrando loro una vasta zona dove vivevano, felici e contenti,migliaia di tacchini,chiamati turkey perche’ credevano fossero arrivati dalla Turchia.
Ebbene gli inglesi ne fecero una strage,che in sostanza li aiuto’ a vivere.
Cosicche’,un anno dopo,decisero di ringraziare il Signore e fecero festa,invitando anche gli indiani del luogo.Questa la storia piu’ o meno ufficiale,ma negli anni ci sono stati molti cambiamenti,a cominciare dalla data della pima celebrazione,che oggi  e’,come dicevamo,il 26 novembre. Milioni e milioni di tacchini sui tavoli degli americani,che festeggiano con grosse cosce di turkey e tanta birra.Dall’altra sponda,un milione di indiani che ricordano al popolo l’aiuto dato ai pellegrini,aiuto che venne “contraccambiato” con la strage di nativi da parte dei bianchi
americani.
Cosi’ e’ la vita.Qualche volta.
Benny Manocchia
print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi