Daniela Musini vincitrice assoluta del Premio Carver con “I 100 piaceri di d’Annunzio”

9 novembre 2015 20:540 commentiViews: 18

 

 

 

Sono ormai tredici i riconoscimenti letterari nazionali ed internazionali che la scrittrice, attrice e pianista abruzzese Daniela Musini ha conseguito con il suo straordinario libro “I 100 piaceri di d’Annunzio. Passioni, fulgori e voluttà” (Enrico Lui Editore).

L'attrice, scrittrice e pianista Daniela Musini

L’attrice, scrittrice e pianista Daniela Musini

 

L’ultimo in ordine di tempo è il Premio Carver 2015 per la Saggistica, conferitole, sabato 7 novembre, alla Cittadella della Musica a Civitavecchia. Nel corso di una bellissima serata di Cultura, sono stati premiati anche il vincitore per la Poesia e per la Narrativa.

Centinaia gli scrittori partecipanti, 5 Finalisti, un solo vincitore per ciascuna delle tre categorie.

 

Il Premio Carver è definito, nell’ambito dei premi letterari italiani, il “Contropremio”, perché, come si legge nello statuto del sito, “il Premio Carver vive su una sola e unica regola: vengono premiati i libri migliori, senza guardare il nome dell’autore o il marchio editoriale. Se uno scrittore sconosciuto pubblicato da una minuscola casa editrice, ha scritto un ottimo libro viene premiato. (…) I nomi dei giurati non verranno mai resi noti per evitare tirate di maniche o condizionamenti”.

 

“È stata una serata emozionante e di alto profilo culturale – dice Daniela Musini – gli altri quattro autori finalisti concorrevano con libri dalle tematiche affascinanti e il confronto, nel corso di un intelligente e frizzante dibattito condotto dal Presidente del Premio, Andrea Giannasi, è stato molto stimolante. Ero già felice di far parte della cinquina finalista e sinceramente non pensavo di vincere, ma quando in mattinata sono arrivata alla Cittadella della Musica di Civitavecchia e mi sono resa conto che era ubicata in via Gabriele d’Annunzio, ho sorriso e ho pensato: Gabriele, che dici, ce la facciamo anche stavolta?”

 

Daniela Musini dopo aver conquistato riconoscimenti in Italia e nel mondo,  (tra questi Pittsuburgh e Parigi) con il suo colto e intrigante saggio sul Vate, ha aggiunto anche il Premio Carver 2015 al suo fantastico palmares.

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi