USA. Una nuova guerra fredda alle porte

23 settembre 2015 20:040 commentiViews: 12

Obama da’ i numeri.Non e’ la prima volta e probabilmente non sara’l’ultima prima che lo caccino dalla Casa Bianca.Qualcuno in America dice chiaramente:e’impazzito.Forse avrete letto che mandera’,impacchettati come grassi maiali, venti (dico venti) bombe atomiche in Germania,nella

zona riservata al comando americano.Dopo 70 anni la Germania e’ ancora
sotto il giogo del vincitore dell’ultima guerra.Chissa’ come i tedeschi prenderanno questa decisione.Comunque,niente paura.La decisione
incredibile di Obama si squagliera’ come neve al sole semplicemente perche’ Putin piazzera’ immediatamente altrettante,se non molte di piu’,
testate atomiche puntate semplicemente contro quella base USA in Germania. Immaginate se uno dei due spingera’ quel bottone.Addio Europa,addio America,addio mondo perche’ tutte le altre atomiche sparse sulla Terra (oltre 40 mila dicono) salteranno come candele
romane e vedrete che fuocherello…
Obama ha capito che il mondo lo ricordera’ come un poverello senza idee concrete,eletto presidente di una nazione solo perche’ i 40 milioni di negri che vivono qui hanno votato tutti,ma proprio tutti per lui. Cosi’, arrivato al viale del tramonto,cerca disperatamente di lasciare qualcosa che lo faccia ricordare ai suoi elettori.
L’atomica venne usata dagli americani in Giappone.Chi ricorda quella immane disgrazia?Le atomiche oggi sono piu’ potenti venti volte di quelle.Chi sara’ quell’incosciente che spingera’ il bottone sapendo
che nessuno,mai,vincera’ una tale guerra?
Benny Manocchia

italianinusa55@gmail.com

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi