Caso Riccitelli. Tancredi (NCD- AP) presenta interrogazione al Ministro

23 settembre 2015 23:170 commentiViews: 4

 

 I dubbi sulla congruità delle valutazioni assunte dalla Commissione Musica del Ministero per i beni e le attività culturali di privare la Società della Musica e del Teatro “Primo Riccitelli” di Teramo dei finanziamenti FUS per l’anno in corso e fino al 2017 spingono l’Onorevole Paolo Tancredi a formalizzare una interrogazione al Ministro.

Già nell’agosto scorso il Deputato teramano aveva espresso un forte disappunto in merito a tale vicenda, rafforzato delle successive pubbliche dichiarazioni del sottosegretario Ilaria Borletti Buitoni.

Ad aggravare la circostanza interviene, a seguito di formale istanza di accesso agli atti presentata dalla Primo Riccitelli, la comunicazione del dirigente con la quale gli interessati vengono informati che i richiesti documenti non possono essere prodotti poiché il verbale relativo alla seduta della Commissione non sarebbe ancora stato approvato. “Se ciò fosse vero – sostiene Tancredi  – il decreto direttoriale di assegnazione o non assegnazione sarebbe gravemente viziato”.

“La Primo Riccitelli costituisce per il patrimonio abruzzese un bene prezioso, di indiscutibile qualità artistica, che ha beneficiato per ben 27 anni di contributi statali in virtù dell’elevato prestigio nazionale ed internazionale dell’attività svolta e deve essere pertanto tutelata”  – dichiara il Parlamentare – “Attendo chiarimenti da parte del Ministro”.

 

Roma, 23 settembre 2015

 

 

Nuovo Centrodestra Teramo

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi