XVI festival internazionale Pietre che cantano L’ALTRA META’ DEL SUONO nel centenario della nascita di Piaf, Schwarzkopf, Holiday

20 agosto 2015 00:000 commentiViews: 7

CELANO, OCRE, FONTECCHIO, L’AQUILA,

 ROCCA DI MEZZO, S. DEMETRIO NE’ VESTINI, TIONE DEGLI ABRUZZI

1/22 AGOSTO 2015

 

Direzione artistica di Luisa Prayer

 

 

COMUNICATO STAMPA

 

 

 

Venerdì 21 agosto, ore 18.30

L’Aquila – Auditorium del parco

 

Piaf, Holiday, Schwarzkopf: tre donne del 1915

Performance musicale multimediale

di e con GEORGES BLOCH, voce e HERVÉ SELLIN, pianoforte

 

 

Nuova commissione del XVI Festival – prima assoluta

 

evento realizzato in collaborazione con

IRCAM, Institut de recherche et coordination acoustique musique – Parigi

EHESS, École des hautes études en sciences socials – Parigi

Dipartimento musica e tecnologie del Conservatorio “A. Casella”- L’Aquila

 

 

evento inserito nella 721° edizione della Perdonanza Celestiniana

INGRESSO GRATUITO

 

 

L’AQUILA – La XVI Edizione del Festival internazionale di musica Pietre che cantano, diretta da Luisa Prayer, è un tributo alla forza e all’importanza delle donne, nel mondo dell’arte e nel corso della storia, nel centenario della nascita di Elizabeth Schwarzkopf, Edith Piaf e Billie Holiday: tre grandi voci, uniche, diversissime tra loro, che hanno attraversato i diversi mondi del Novecento musicale, tre autentiche dive, in omaggio alle quali il festival ha sinora proposto un cartellone caratterizzato dalla presenza di donne della musica e del teatro.

 

Venerdì 21 agosto, sarà la serata dedicata proprio alle tre straordinarie voci, alle ore 18.30 all’Auditorium del Parco dell’Aquila andrà in scena la performance musicale multimediale Piaf, Schwarzkopf, Holiday: tre donne del 1915, nuova commissione del Festival Internazionale di musica Pietre che cantano, che è inserita anche nel cartellone della 721° edizione della Perdonanza Celestiniana, che nei giorni 28 e 29 agosto apre la Porta Santa della Basilica di Collemaggio rinnovando, annualmente, il Giubileo voluto alla fine del ‘200 da Papa Celestino V.

 

L’evento di Pietre che cantano è realizzato in collaborazione con due prestigiosi istituti di ricerca di Parigi, l’IRCAM – Institut de recherche et coordination acoustique musique e l’EHESSÉcole des hautes études en sciences socials e coinvolgerà nell’allestimento gli allievi del Dipartimento musica e nuove tecnologie del Conservatorio “A. Casella”- L’Aquila.

 

Il compositore francese Georges Bloch, ricercatore dell’IRCAM di Parigi e docente del Pole Musique di Strasburgo, insieme al pianista Hervé Sellin, che dopo gli studi classici con Aldo Ciccolini a Parigi è stato tra i fondatori della scuola di jazz del Conservatoire, dove attualmente insegna, sono i due musicisti che grazie alle loro esperienze trasversali nel campo della musica riusciranno a comporre, dalle storie di tre grandi voci del Novecento, un’unica trama musicale e narrativa.

 

Alla ricerca di radici comuni nell’esperienza musicale delle tre dive, si parte dal Lied mahleriano, e si procede in un percorso del tutto originale, che mette insieme la storia del disco, la storia delle donne, e infine si avvale dell’utilizzo di software della tecnologia elettronica di ultima generazione, generati dalla ricerca dell’IRCAM e dell’EHSS, che permetteranno a Bloch di far rivivere sulla scena la voce delle tre dive, come se improvvisassero al momento, accompagnate da Sellin al pianoforte.

 

 

Ingresso gratuito

 

Informazioni e prenotazioni:

+39.338.2511945 info@pietrechecantano.itwww.pietrechecantano.ithttp://www.pietrechecantano.it/

http://www.pietrechecantano.it/

 

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi