USA. Una lotta tra poveri

26 agosto 2015 23:040 commentiViews: 14

Caro Direttore,spesso una situazione poco chiara viene artamente creata per confondere i cittadini

italiani che hanno ben altro da pensare.Lasciando da parte la politica (che ha stancato pure i santi)
il ministro Padoan ha dichiarato che i cosiddetti migranti risolveranno il problema demografico
italiano.Insomma non facciamo piu’ figli in Italia per cui occorre “pienare il vuoto”.Una dichiarazione che ha subito offeso le donne e le mamme italiane.Se esiste un problema demografico (troppi vecchi e pochi giovani oggi in Italia)
la colpa (se una colpa c’e’) va attribuita al fatto che le coppie di casa nostra ci pensano due volte prima di mettere al mondo bimbi che incontrerebbero perfino la fame,e piu’ avanti disoccupazione e le  chiacchiere dei politicanti.Padoan vorrebbe famiglie con sei figli? Abbassasse le tasse e tutto il resto,rendesse (con i suoi colleghi) la vita lievemente piu’ facile per la nostra gente. Comunque il punto piu’ oscuro della dichiarazione del ministro e’ questo:i migranti risolverebbero il problema demografico italiano
con la loro presenza:da 60 milioni potremmo arrivare a 70 milioni.Ma il problema demografico a quel punto diventerebbe il problema per la sopravvivenza,perche’ anche gli africani,come per  gli italiani,non avrebbero lavoro e quindi…
L’Italia non ha mai avuto un problema demografico;semmai le nostre famiglie erano ammirate ed apprezzate in Europa per il numero elevato di bebe’  e per il modo come erano allevati.Allora cominciamo a chiederci perche’ e’ sorto questo problema demografico.
Benny Manocchia
print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi