Conferenza Internazionale: “Prevention and control of Campylobacter in the poultry production system”

19 Agosto 2015 20:170 commentiViews: 7

 

 

 

Il 31 agosto 2015, nel contesto di EXPO MILANO 2015 il Ministero della Salute, in collaborazione con l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise (IZSAM) e l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie (IZSVE), organizza la Conferenza Internazionale: “Prevention and control of Campylobacter in the poultry production system”.

La manifestazione si terrà nel Padiglione della Società Civile a Cascina Triulza, antica costruzione rurale, patrimonio storico, architettonico e ambientale della Lombardia, presente all’interno del sito dell’Esposizione Universale.

La conferenza è rivolta alle Autorità Nazionali Competenti degli Stati Membri dell’UE, Paesi Candidati e Terzi e a tutti i portatori d’interesse per diffondere le metodiche appropriate, a tutela della salute pubblica, per contrastare la diffusione di Campylobacter negli animali, nei prodotti di origine animale e nell’uomo.

La campilobatteriosi è la malattia di origine alimentare più frequentemente riferita nell’Unione europea. La carne di pollame risulta una delle principali fonti di infezione umana.

Secondo una stima dell’EFSA, il costo della campilobatteriosi per i sistemi sanitari e come conseguenza di perdita di produttività nell’UE è di circa 2,4 miliardi di euro all’anno.

Gli obiettivi che la conferenza si prefigge di raggiungere sono:

  • aggiornare i responsabili politici, la comunità scientifica e tutti i portatori d’interesse sui livelli di contaminazione da Campylobacter negli allevamenti di pollame e negli alimenti di origine avicola in Europa e sulle misure di biosicurezza;
  • esaminare i principali fattori di rischio e i punti critici che influenzano la colonizzazione e la contaminazione da Campylobacter nella catena di produzione delle carni avicole, dedicando particolare attenzione ai sistemi di allevamento;
  • discutere dell’efficacia e della fattibilità di possibili strategie di controllo e prevenzione attraverso misure da applicare in azienda;
  • esaminare approcci efficaci di comunicazione del rischio per aumentare la consapevolezza dei consumatori.

 

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.<br/>Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi