SEL. Pur essendo forza di governo regionale apprendiamo dalla stampa che Camillo D’Alessandro ha presentato alcune proposte di modifiche alla legge elettorale regionale e allo Statuto.

25 Luglio 2015 15:160 commentiViews: 6

Come SEL Abruzzo riteniamo che si debba aprire una più vasta ed
approfondita discussione sulla legge elettorale da modificare,
coinvolgendo tutti i partiti sia di maggioranza che di minoranza, come
pure i cittadini attraverso apposite assemblee da organizzare. La
definizione dei collegi, la preferenza di genere e le soglie di
sbarramento sono questioni importanti da discutere con gli abruzzesi.
SEL Abruzzo ritiene fortemente sbagliata la proposta di aumentare le
soglie di sbarramento di coalizione al 6% e di lista al 3 per cento.
Tommaso Di Febo Coordinatore Regionale SEL interviene sulla proposta
di riforma elettorale regionale: “la definizione del numero dei
collegi per la rappresentanza dei territori nonché l’importante e
necessaria preferenza di genere devono essere legate a rafforzare il
rapporto eletti–elettori e proprio per questo devono essere discusse
seriamente anche con i cittadini nei territori. Nello specifico i
collegi non possono essere definiti dall’alto”.
Di Febo ha rimarcato la netta contrarietà alla proposta di aumento
delle soglie di sbarramento : “Innanzitutto le regole democratiche
vanno discusse da parte di tutti i partiti sia di maggioranza che di
minoranza, e sulla proposta di una nuova legge elettorale occorre
evitare l’imposizione di soglie di sbarramento elevate e
antidemocratiche”, poi continua il Coordinatore Regionale :“SEL
Abruzzo è nettamente contraria all’innalzamento delle soglie di
sbarramento. Infatti riteniamo che per ridurre la frammentazione e
garantire la governabilità non sono necessarie assurde e punitive
soglie di sbarramento. Occorre invece garantire, con equilibrio e
senza prevaricazioni, che tutti possano avere voce in consiglio
regionale con soglie di sbarramento ragionevoli”. Infine la domanda di
Di Febo : “Perché su questo tema così importante il Pd non ha aperto
prima una discussione con i partiti alleati al governo regionale?”.
SEL ABRUZZO

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.<br/>Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi