Morro D’Oro. UN TRITTICO DI CONCERTI IN ONORE DEI 1300 ANNI DELL’ABBAZIA DI PROPEZZANO

20 Maggio 2015 20:570 commentiViews: 7

 

La Corelli Chamber Orchestra presenta il progetto: “Musiche sacre – dal barocco abruzzese al minimalismo europeo”

 

In occasione della ricorrenza del 1300° anno dalla fondazione dell’Abbazia di S. Maria di Propezzano, uno dei luoghi di culto più antichi e culturalmente più prestigiosi del nostro territorio, l’amministrazione comunale di Morro D’Oro, grazie alla collaborazione da sempre attiva della Corelli Chamber Orchestra presieduta dalla Prof.ssa Tiziana Perna e diretta dal maestro Manfredo Di Crescenzo, ha voluto promuovere un trittico di eventi musicali mirati a far conoscere ancor più le meraviglie architettoniche e artistiche di questi luoghi santi da anni mete di pellegrinaggi e attrazioni turistiche sempre troppo poco valorizzate.

Il progetto artistico, non a caso denominato “Musiche Sacre – dal barocco abruzzese al minimalismo europeo” prevede tre concerti da svolgersi presso l’Abbazia di S. Maria di Propezzano e la chiesa monumentale di S. Salvatore nei giorni: 21 – 29 maggio e 5 giugno prossimi.

«L’obiettivo – dichiara l’Assessore alla cultura del comune di Morro D’Oro, Roberta Di Sante – è quello di unire in un unico evento la forza espressiva della musica e la sacralità di luoghi millenari, per dar vita ad un momento dal valore artistico e culturale importante attraverso il quale valorizzare la musica sacra abruzzese e le meraviglie del nostro territorio, come l’importante organo storico “Fedri dei Fedeli” recentemente riportato al suo antico splendore e conservato nella chiesa di S.Salvatore.  Inoltre – continua l’assessore –  ci sembrava quantomeno doveroso, a maggior ragione quest’anno in cui ricorre l’importante anniversario della fondazione dell’Abbazia di S.Maria di Propezzano, valorizzare questo luogo con un evento che potesse metterne in risalto la bellezza e la valenza artistica e culturale».

Dunque, cultura, storia, tradizione, arte e soprattutto musica: «Verrà messa in relazione –  spiega il maestro Manfredo Di Crescenzo – la musica sacra abruzzese di Fedele Fenaroli con quella minimalista di compositori contemporanei europei. Vogliamo proporre al pubblico presente – continua Manfredo Di Crescenzo – uno standard artistico alto esprimendo delle performance musicali molto interessanti e offrendo un programma musicale completo che va dallo stile barocco di Handel e Fenaroli, a quello minimalista di Part, Tavener e Gorecki, massimi esponenti europei del novecento».

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi