Giulianova. Oggi alla scuola dell’infanzia “Don Milani” avvio dell’orto di classe nell’ambito del progetto “Campagna Amica” di Coldiretti.

8 Maggio 2015 19:260 commentiViews: 51

 

 

Si chiama “Campagna Amica” il progetto promosso da Fondazione Campagna Amica di Coldiretti a cui ha aderito  il 2° Istituto comprensivo di Giulianova con il supporto e la collaborazione dell’Amministrazione comunale.

Vasanella-Cameli

Vasanella-Cameli

Il progetto, che quest’anno ha per tema “Un orto di classe: curare la terra, nutrire la vita”, pone l’attenzione sull’orto in tutte le sue varianti e accompagnerà gli insegnanti e gli alunni della Scuola dell’infanzia “Don Milani” nel percorso multidisciplinare volto a scoprire tutte le tematiche connesse alla cura della terra, alla riscoperta del rapporto città e campagna, al recupero di conoscenze e tradizioni del territorio e all’adozione di comportamenti responsabili e rispettosi dell’ambiente.

Nella mattinata di oggi, 8 maggio, si è proceduto a dare concreto avvio al progetto  mettendo a dimora, nell’orto creato in prossimità della scuola, erbe aromatiche e ortaggi. A curarli, nel periodo estivo ma anche in quello invernale, saranno i bambini con il coinvolgimento dei genitori e nonni, oltre che dei loro insegnanti.

E’ un bellissimo progetto, al quale l’amministrazione ha voluto subito garantire il suo apporto”, dichiarano la vicesindaco con delega alla Pubblica istruzione Nausicaa Cameli,  l’assessore all’Ambiente Fabio Ruffini e la capogruppo consiliare del PD Federica Vasanella. “L’orto di classe si inserisce nell’ottica di valorizzare l’aggregazione sociale, il rispetto della stagionalità e la tutela della biodiversità dei prodotti, rigorosamente agricoli e italiani. Sono poi previste per il prossimo anno scolastico attività didattiche che prevedono la presenza di tutor ed esperti della Coldiretti con lo scopo di restituire il piacere del contatto con la terra riscoprendo anche il valore della manualità. Insomma, amore per la natura e per quanto essa ci può dare. Tenuto altresì conto del fatto che gli ortaggi saranno poi gustati dagli stessi che li hanno coltivati con amore e passione. Un plauso quindi da parte nostra”, concludono Cameli, Ruffini e Vasanella, “non solo al dirigente scolastico Vincenzo Avolio ma anche ai genitori che si sono parti parte diligente di questo progetto all’insegna del pollice verde”.

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi