Strade: Regione distribuisce 5 milioni senza bando. Una delibera da revocare

6 Marzo 2015 06:580 commentiViews: 6

 

 

La Giunta Regionale dell’Abruzzo con una delibera distribuisce 5 milioni a 123 Comuni abruzzesi per interventi sulle strade. Il problema è che i comuni della nostra Regione sono 305. Come è avvenuta la scelta? Come sono stati scelti i comuni da finanziare? In attesa di leggere la delibera che non è ancora pubblicata sul sito istituzionale, mi riferiscono vari sindaci che a loro non risultano bandi attraverso i quali i comuni potessero fare richiesta dei fondi.

Il comunicato del Presidente D’Alfonso parla di “solidale considerazione per i comuni che hanno sofferenza nell’attività di manutenzione”. Cosa commovente. Ma come poteva un comune segnalare le proprie sofferenze se non c’è stato un bando a cui rispondere?

Spero di essere smentito ma è forte la sensazione che siamo di fronte a una distribuzione “democristiana” di fondi a pioggia ma sulla base di una discrezionalità politica che penalizza le amministrazioni che non avevano qualche “santo” in Regione.

Non vorrei che D’Alfonso abbia scelto i comuni a cui erogare i contributi in base ai suoi giri elettorali.

Il fatto che anche in passato i fondi siano stati assegnati in questa maniera arbitraria non rende meno sbagliato un metodo che contrasta con i principi di corretta amministrazione.

Se dovesse uscire confermata l’assenza di bandi e criteri di selezione non si può che esigere la revoca della delibera.

 

Maurizio Acerbo, Rifondazione Comunista

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi