Giulianova. RIFONDAZIONE COMUNISTA: giù le mani dai servizi pubblici

19 marzo 2015 18:140 commentiViews: 25
In merito alla questione dello sciopero degli otto dipendenti della Julia Servizi, e riguardo al crescente
timore manifestato dagli stessi circa la possibilità che la società partecipata possa essere messa in vendita

PRC

PRC

(e, da “sobillatori”, si potrebbe aggiungere: svenduta) dal Comune.
il Partito della Rifondazione Comunista di Giulianova esprime piena solidarietà ai lavoratori e totale
contrarietà alla paventata svendita della società. Inoltre, visto che è stato riesumato il nome del
commissario speciale Carlo Cottarelli (Commissario straordinario per la Revisione della spesa pubblica),
occorrerebbe ricordare al signor Sindaco che, poco più di 6 mesi fa, la società oggetto di questa nostra
attenzione superava l’esame del commissario alla spending review, collocandosi, nella lista delle
partecipate italiane, nelle zone alte, avendo conseguito un Indice di redditività del capitale proprio pari al
32,91%.
E occorrerebbe ricordarglielo proprio attraverso le sue parole, parole dense di orgoglio all’indomani della
notizia dell’eccellente risultato ottenuto dalle sue “creature”: “Ho sempre detto che, contrariamente ai
furibondi attacchi delle opposizioni, le nostre partecipate sono una risorsa preziosa per il Comune.
Ora abbiamo la conferma. Nonostante questo, dubito che i critic-boys, cioè la sparuta pattuglia dei critici a
oltranza in servizio permanente a Giulianova, possano almeno una sola volta, riporre il veleno nelle
ampolle”.
D’altra parte, da tempo, sin dalla sua fondazione, ampolle avvelenate popolano le sedi del Partito
Democratico, giuliese e non solo. Ma ancor più importante è da ricordare che il popolo italiano nel 2011
si è espresso con referendum contro la privatizzazione forzata dei servizi pubblici compresi quelli a
rilevanza economica. Se a Renzi fa difetto lo spirito democratico è compito anche degli Enti locali opporsi e
dare seguito alla volontà popolare.
Il Partito della Rifondazione Comunista, si mobilita e si mette a disposizione per la difesa dei beni pubblici.
Possiamo LOTTARE E VINCERE DEMOCRATICAMENTE UN’ALTRA BATTAGLIA (vedi: Farmacia
comunale), promuovendo un comitato di cittadini, di movimenti, e associazioni, affinché si possa
sventare la vendita di un bene che appartiene a tutti i cittadini Giuliesi.
 
Giulianova li, 18 marzo 2015
 
La segreteria del
Partito della Rifondazione Comunista di Giulianova

 

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi