USA. I soliti italiani

21 Febbraio 2015 17:180 commentiViews: 14

Un vasto gruppo di italiani ed italoamericani della West Coast (California,

Colorado,Nevada,Arizona) ha chiesto a una nota agenzia statunitense di
fare una inchiesta presso gli americani che vivono in America. Centodieci
mila hanno risposto alledomande degli inquirenti.Per cominciare,quasi mezzo milione di persone hanno dichiarato di conoscere la situazione dei due maro’ italiani fermati in India.Ma quasi l’ottanta per cento ha preferito non rispondere
all’inchiesta dicendo soltanto: il problema e’ italiano. I rimanenti’ centodiecimila hanno offerto pensieri diversi.
Uno dei piu’ importanti: sembra proprio che gli italiani di cui sentiamo parlare spesso come “forti,decisi e sicuri”,in questa occasione sono “deboli,indecisi e
insicuri”.Sono in molti a dire c he “con i soldi si cava un ragno dal buco”,il
governo italiano dovrebbe contattare )o fare contattare) i gruppi indiani che fanno tutto,ma proprio tutto,per il denaro. Mettere uno dei due maro” (il
secondo come si sa e
‘ in Italia per cure mediche) su un aereo privato per portarlo in Europa non e’
poi tanto difficile.Lo farebbero gli americani,gli inglesi,gli israeliani e tante
altre nazioni del mondo.Basta investire denaro,
Dagli americani i che una volta o due hanno visitato l’Italia, e’ giunta una
accusa diretta”popolo fifone,voltafaccia,che ha a cura i suoi cittadini come
ha cura degli asini e delle pecore”.Infine un gruppetto del Nevada:”mafia
per vendette personali familiari ma una mafia che senta il cuore battere per l’Italia e gli italiani…scordatevene”.
Benny Manocchia da  Los Angeles
print
Condividi:

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.<br/>Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi