Teramo. PD: : IN MERITO ALLA TEAM

30 Gennaio 2015 00:530 commentiViews: 9

 

 

L’ignoranza e l’arroganza del Sindaco Brucchi ha determinato la cessazione alla data del 31.12.2014 di tutti gli affidamenti dei servizi alla TEAM;  ponendo in serio pericolo la sopravvivenza della Team e mettendo a repentaglio numerosi posti di lavoro. Bene ha fatto il Presidente a dimettersi

Il Gruppo del PD da anni invita il sindaco a regolarizzare gli affidamenti dei servizi dati alla Team senza espletamento di gara con evidenza pubblica, ci si riferisce alla delibera di consiglio del 29.3.2010 atto n. 21  con la quale il comune in spregio alla normativa esistente, confermava l’affidamento alla TE.AM,   fino al 30.4.2015, dei servizi pubblici comunali relativi all’igiene ambientale , al verde pubblico, alla segnaletica stradale, alla pulizia degli immobili comunale e verifica degli impianti termici..

                                      Affidamento diretto, del valore di oltre 60 milioni di euro ,  la cui irregolarità  veniva rilevata anche dall’Autorità Garante   della Concorrenza  e del Mercato  con l’atto del 24.2.2011 prot. N. 0017728 ove si   evidenzia  la  distorsione concorrenziali per non essere stata esperita  alcuna procedura competitiva ad evidenza pubblica. La determina è stata notificata  al Sindaco che nulla ha fatto  per sanare la situazione.

Il Sindaco Brucchi  è rimasto inerte e sordo anche di  fronte alle grida dei cittadini e utenti teramani che in questi anni hanno visto crescere in maniera esponenziale la Tia oggi Tari; l’espletamento della gara concorrenziale del servizio di raccolta del rifiuto avrebbe ridotto i costi del servizio e quindi le tasse;  come da sempre sostenuto dal gruppo consiliare del partito democratico.

 

Il Sindaco nella sua arroganza ha  infine ignorato le disposizione dell’art. 34 della legge  n. 179 del 2012 che lo invitava a regolarizzare l’affidamento diretto dei servizi mediante avvio di gara con evidenza pubblica entro la data del 31 dicembre 2013 poi prorogata al 31.12.2014.

Ha disatteso anche quest’ultima possibilità, non ha  sanato la situazione di irregolarità da lui creata e quindi degli affidamenti diretti fatti alla Team per oltre 60 milioni, né ha tutelato gli oltre duecento posti di lavoro.

 

La sua inerzia ha portato dunque ope legis  alla inevitabile cessazione degli affidamenti diretti  alla TEAM alla data del 31.12.2014 senza possibilità di proroga.

 

Ed il Sindaco continua a giocare con C.d.a. della Team e a  discutere come un moderno Amleto : “se deve essere o non essere  tutta pubblica”, “ se di deve essere o non essere una donna”

Ma il Sindaco si è reso conto che sono decaduti   per legge gli affidamenti dei servizi alla Team, senza possibilità di proroga? Si è reso conto che la TEAM da circa un mese opera in un regime di irregolarità?  Il Sindaco ci vuole spiegare perché in tutti questi anni non ha mai avviato le pratiche per affidamento dei servizi pubblici con evidenza pubblica?  Ci vuole informare come pensa di salvare il posto di lavoro  ai circa  250 dipendente della Team?  Solo di questo il partito democratico parlerà nei prossimi giorni e non permetterà al Sindaco di  sviare il problema sul mero assetto Shakespeariano della TEAM.

27.1.2015                                                       Manola Di Pasquale

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.<br/>Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi