Chieti. Il giornalista e poeta dialettale Mario D’Alessandro, così ha ricordato la befana:

7 Gennaio 2015 20:510 commentiViews: 88
 

La Bbefane vestite de cince

 

Ecche arrive n’atra vote Pasquette,

feste ca de la Bbefane vé dette,

le bbardisce nen c-i-acrede nisciune,

ma aspette che je porte cose bbune,

che sacce, ggiucattole, dulciarelle,

ciucculate, biscutte, caramelle,

s’appènne cavezette a lu camine,

pe’ truvà cacche cose la matine.

 

Me l’arecorde ancore gnè nu sònne,

lu timpe ca se stève a n’atre mònne,

se facè feste nghe nu mandarine,

na noce secche e cacche carracine,

ce putè’ stà la cenere e carvòne

se dendr’a ll’anne n’avè state bbòne,

avastéve Mamme nghe na carezze

pe’ t’ariempì’ lu core de ricchezze.

 

Mo’ la Bbefane ,vestite de cince,

te porte, se je và, nu “Gratte e vvince”!

Ma ‘n ce scurdème de lu jurne bbelle

ca purtève  biscutte e caramelle,

pecché eravàme allore bbardascelle

e ugne ccose parève bbone e bbelle,

mittéme cavezette a lu camine,

l’aretruvème piene la matine.

Vive la Bbefane vestite de cince

pure se cce porte nu “Gratte e vvince”!

Vele dice pazz’e bbòne

chj vè dette Lu Bbarone.

 

(Mario D’Alessandro)

 

Chieti Scalo,  martedì 6 gennaio 2015

Luciano Pellegrini  agnpell@libero.it

cell +393404904001

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi