Teramo. SARÀ PRESENTATO IN ATENEO IL VOLUME “LA SQUADRA VINCENTE DEI BAMBINI DI BETANIA”

16 Dicembre 2014 22:510 commentiViews: 18

(1)

Teramo, 15 dicembre 2014 ‒ Sarà presentato mercoledì 17 dicembre, alle ore 14.30, nella Sala delle lauree della Facoltà di Giurisprudenza, il volume La squadra vincente dei Bambini di Betania, edito da Ricerche & Redazioni. Curato da Maria Luisa Giangiulio e Laura De Berardinis, il volume raccoglie poesie, racconti e disegni di 15 bimbi ospiti della casa famiglia di Tortoreto “La casa di Lorenzo”. Numerose le prefazioni al libro: da quella del presidente del Tribunale dei minori dell’Aquila Vittoria Correa, agli interventi del presidente della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso e dell’assessore regionale alle politiche sociali Marinella Sclocco. Ma tante anche le collaborazioni che hanno contribuito alla realizzazione del volume: dalle figure istituzionali ai volontari della casa famiglia e ai cittadini coinvolti dall’entusiasmo delle curatrici.

Alla presentazione di martedì – coordinata da Laura De Berardinis ‒ parteciperanno il rettore Luciano D’Amico, il magistrato Aldo Manfredi, l’attore Alessandro Preziosi, il presidente della Onlus “I bambini di Betania” Luisa Giangiulio, il presidente Corecom Filippo Lucci, i sindaci di Teramo e Tortoreto Maurizio Brucchi e Alessandra Lucia Richi, il presidente e l’allenatore dell’associazione sportiva Nova Basket Campli Daniele Di Carlo e Alessandro di Eusanio, il presidente di Teramo Nostra Piero Chiarini, il capo delegato del FAI Teramo Franca Giannella.

Sarà presente una delegazione dei bambini del minibasket della Nova Basket Campli.

Il costo di 15 euro per l’acquisto del libro sarà devoluto alla Casa di Lorenzo. «Abbiamo lavorato ‒ ha spiegato Laura De Berardinis, voce narrante del libro La squadra vincente dei Bambini di Betania a un progetto complesso e delicato il cui scopo è stato quello di far “vedere” ai bimbi la bellezza della vita cercandola là dove ne era rimasta traccia, nelle loro complesse e difficili storie di vita. Le loro poesie e disegni rappresentano un segnale di positività e speranza, specchio delle loro emozioni migliori, e una opportunità per integrarsi nella società civile con maggiore autostima e un ruolo attivo».

«La comunicazione del libro – ha concluso ‒ sta avvenendo, oltre che attraverso i canali tradizionali dei media, anche per mezzo di testimonial che prestano la propria immagine e si lasciano fotografare con il libro al fine di pubblicarne lo scatto sui principali social network».

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi