1

Teramo. COORDINAMENTO 9 DICEMBRE: TORNA ANCHE A TERAMO

 

UN GRUPPO COMPATTO E DETERMINATO HA DECISO DI ESSERCI, VESTITO DEL TRICOLORE PER DIFENDERE LA COSTITUZIONE ITALIANA E I DIRITTI USURPATIGLI SENZA RITEGNO ALCUNO.

Il Coordinamento 9 dicembre, ritorna più forte perché compatto nelle intenzioni, nelle finalità e senza alcun leader che possa svendere l’idea principale del gruppo: riappropriarsi del proprio potere decisionale su chi deve rappresentarlo ed amministrare onestamente e in modo trasparente la cosa pubblica.
Il Cittadino è stato paziente per anni ma non è disposto ad aspettare oltre perché ormai cosciente che tutte le “proposte, considerazioni, intenzioni, modifiche” sono solo dirette ad impoverirlo non solo economicamente ma anche sul piano motivazionale e propositivo, scippandolo del futuro, negandogli la storia e la cultura che lo caratterizza e definisce la sua identità (vedi immigrazione, fenomeno sostenuto per il business dei soliti, la traversalità delle mafie che di fatto controllano le azioni dei nosti amministatori, le scellerate scelte che vertono sempre ad aiutare le banche con i soldi dei cittadini e degli operatori econominici sempre piu vessati da tasse dirette ed indirette, ultima novità l’IMU per i terreni agricoli non piu considerati montani che NOI NON PAGHEREMO!).
Il Coordinamento rappresenta la volontà del Popolo che non accetta più soprusi e dal giorno 5 dicembre anche a Teramo, in Porta Madonna, a Alba Adriatica, svincolo Val Vibrata, il Coordinamento è presente con il suo codice di comportamento etico, nel rispetto della Costituzione Italiana ed in collaborazione con le Forze dell’Ordine perché si vuole spazzar via solo l’indecenza e l’illegalità che ha mutilato il benessere psico-socio-economico di ogni Italiano.