GIUSTIZIA, BRAMBILLA: “NO AL COLPO DI SPUGNA SUI REATI A DANNO DEGLI ANIMALI”

15 Dicembre 2014 23:260 commentiViews: 5

 

 

“No al colpo di spugna sui reati a danno degli animali”. Lo ha detto oggi, durante la presentazione del manifesto-appello sulla tutela costituzionale degli animali e dell’ambiente l’on. Michela Vittoria Brambilla, commentando l’approvazione, da parte del governo, del decreto legislativo che introduce tra le cause di non punibilità “la particolare tenuità del fatto”.

“Nella bozza di cui ha parlato la stampa – ricorda l’ex ministro . è scritto che, se i reati per cui si procede sono puniti con la reclusione fino a cinque anni, e se l’offesa “è di particolare tenuità e il comportamento risulta non abituale”, il processo potrà chiudersi con l’archiviazione o con la sentenza di assoluzione. Al massimo, i colpevoli rischieranno di pagare i danni in sede civile. Se questo fosse l’esito finale – aggiunge l’on. Brambilla – saremmo di fronte ad un colossale “colpo di spugna” sui reati commessi a danno degli animali: i procedimenti per uccisione, abbandono, traffico di cuccioli, combattimenti, sevizie, etc. finirebbero, quasi sempre, nel calderone di quelli da chiudere “per particolare tenuità del fatto”, cancellando all’istante i faticosi progressi dell’ultimo ventennio”.

Insomma, “ridurre il carico giudiziario è un giusto obiettivo, ma non certo a scapito dei più deboli tra i deboli”, conclude la parlamentare di Fi, preannunciando “dura opposizione”.

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi