Una speranza in più: la nuova Radioterapia della ASL di Teramo.

28 Ottobre 2014 19:520 commentiViews: 76

 

 

Mentre la ASL programma a breve un evento per inaugurare il nuovissimo TrilogyTM  – Varian,  acceleratore lineare di ultima generazione di cui si è dotata la Radioterapia dell’Ospedale di Teramo, l’apparecchiatura inizia da oggi il suo lavoro, con il primo malato che è già stato sottoposto a trattamento.
Il paziente, che ha cominciato il suo percorso di 38 sedute, è portatore di neoplasia prostatica e viene trattato con tecnica IGRT,  cioè Radioterapia guidata da immagini di cui il TrilogyTM è dotato.
La tecnica IGRT, proprio perché consente di tenere sotto stretto controllo visivo la massa tumorale da trattare, permette di indirizzare il fascio di radiazioni con una precisione millimetrica che mai si sarebbe potuta pensare in precedenza, garantendo l’esatta riproducibilità del trattamento in ognuna delle sedute programmate.
Ogni seduta di radioterapia dura al massimo 20 minuti, un tempo che ricomprende, oltre alla terapia radiante vera e propria, anche  il posizionamento del paziente che va eseguito con estrema accuratezza. Tutto ciò a garanzia di una precisa localizzazione del volume da trattare garantendo un adeguato risparmio dei tessuti sani circostanti al fine di evitare possibili effetti negativi collaterali.
“In caso di neoplasia prostatica, ad esempio, i più diffusi effetti collaterali consistono in proctiti e cistiti. L’uso di questa macchina ridurrà notevolmente la tossicità della terapia per gli organi che si trovano più vicini al tumore”, dichiara il Dr. Amedeo Pancotti, Direttore dell’Unità Operativa di Oncologia dell’Ospedale di Teramo, “la collaborazione tra Oncologia e Radioterapia è strettissima e costante. La cura dei malati oncologici passa necessariamente attraverso approcci multidisciplinari che dovrebbero obbligatoriamente coinvolgere anche la Chirurgia Oncologica e l’Anatomia Patologica, garantendo ai pazienti il più elevato standard terapeutico possibile. Con l’uso di questa nuova apparecchiatura, la Asl di Teramo fa un passo da gigante nella cura dei tumori ”.
Molto soddisfatto anche il Dr. Francesco Fabiani, Direttore del Dipartimento di Tecnologie Pesanti della ASL teramana: “Il programma di rinnovamento tecnologico dell’intero Dipartimento procede speditamente, anche grazie all’impulso innovatore della nuova Direzione Generale che spinge verso rapide soluzioni a tutto vantaggio dei pazienti. Oltre alla Risonanza Magnetica mobile che, a breve, funzionerà all’Ospedale di Giulianova, è in programma l’inizio dell’attività clinica di un nuovo cineangiografo che sarà completamente dedicato alla radiologia interventistica e, in particolare, alla neuroradiologia. Il nuovo acceleratore lineare è uno dei più recenti fiori all’occhiello dell’Azienda, capace di dare grandi speranze a tutti i malati oncologici. Oggi il primo paziente del nostro Trilogy non ha avuto nessun problema, la macchina ha funzionato alla perfezione, così come tutta l’organizzazione del Servizio di Radioterapia, in collaborazione con il Servizio di Fisica Sanitaria.
Una Unità Operativa, quella di Radioterapia, che mi onoro di avere nel mio Dipartimento, dotato non solo di tecnologie di ultima generazione, ma anche di ambienti confortevoli e personale altamente specializzato, capace, in più, di garantire ai pazienti una straordinaria accoglienza”.

Direzione Generale

ASL Teramo                             Teramo 28.10.2014

print

Lascia un commento


Controllo anti spam: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito permetti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi